Ciclismo: Diego Rosa, al Team Sky per diventare grande. Classiche o grandi giri?

Diego-Rosa-Astana-Foto-Gianluca-Santo.png

Negli scorsi giorni è finalmente arrivata l’ufficialità del passaggio di Diego Rosa al Team Sky: un momento e una stagione, la prossima, fondamentali per tutta la sua carriera in cui dovrà anche definire su quali corse concentrarsi.

I risultati sembrano suggerire che il piemontese sia un corridore da classiche, quelle più dure. Nelle ultime due edizione de Il Lombardia Diego ha colto un quinto e un secondo posto, dimostrando di trovarsi a meraviglia quando ci sono salite importanti nel finale e di avere anche ottime doti di fondo in cose abbondantemente oltre i 200 chilometri. Il prossimo anno, in cui per forza di cose dovrebbe anche essere responsabilizzato, dovrà far vedere una certa competitività anche nelle classiche delle Ardenne, dove in questa primavera ha faticato a giocarsela con i migliori al mondo. In particolare, la Freccia Vallone potrebbe davvero diventare il suo terreno di caccia ideale. 

Considerando anche il roster del Team Sky, è difficile che Rosa possa trovare spazio come capitano in una corsa di tre settimane. Chris Froome ha già prenotato il ruolo di leader al Tour, mentre per quanto riguarda Giro d’Italia e Vuelta a España c’è uno scalpitante Wout Poels che ha espressamente richiesto di potersi misurare con la squadra a disposizione, senza dimenticare Mikel Landa che sembra sprecato nel ruolo di gregario.

Anche nella scelta fatta da Rosa, che sembrava avere offerte anche dalla Bmc, sembra chiaro che la sua intenzione sarebbe quella di impegnarsi e di provare a cogliere risultato nelle Classiche, magari provando prima da gregario a guadagnare posizioni nelle gerarchie della squadra britannica per quando riguarda Giro, Tour o Vuelta.

Twitter: @Santo_Gianluca

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

gianluca.santo@oasport.it

Tag

Lascia un commento

Top