Calcio, Europa League 2016/17. Italiane belle a metà. Vincono Inter e Fiorentina, buon punto per il Sassuolo, suicidio Roma

calcio-eusebio-di-francesco-sassuolo-pagina-fb-di-francesco.jpg

Italia a due facce nella terza giornata dei gironi di Europa League 2016/17. Vince agevolmente la Fiorentina, soffre ma porta a casa i primi tre punti della competizione anche l’Inter, mentre la Roma e il Sassuolo devono accontentarsi di un pareggio che non compromette minimamente le ambizioni di passaggio del turno, ma lascia un pizzico di amaro in bocca in ragione del divario tecnico in relazione ai modesti avversari.

Nella prima sessione di gare a mettersi in evidenza a Liberec è il ritrovato Nikola Kalinic, che proietta la Fiorentina da sola in testa alla classifica del gruppo J con una doppietta stellare, a cui fa seguito anche la rete di Babacar che chiude i giochi nel finale sul punteggio di 3-1 in favore dei viola. La contemporanea sconfitta del Paok Salonicco contro il Qarabag consente ai ragazzi di Paulo Sousa di volare in vetta con tre punti di margine sui greci e sui sorprendenti azeri e sei punti di vantaggio sul Liberec.

In contemporanea, a San Siro l’Inter riesce finalmente a sbloccarsi contro gli inglesi del Southampton dopo due sconfitte di fila grazie ad una gemma di Candreva, il quale a metà del secondo tempo indirizza la gara sull’1-0 in favore dei nerazzurri dopo un lungo assedio da parte dei britannici nel corso della prima frazione di gioco. Ma il cuore dell’Inter stavolta fa la differenza e, nonostante l’espulsione rimediata da Brozovic per doppio giallo, De Boer riesce a portare a casa tre punti pesantissimi nell’economia del gruppo K, vista anche la contemporanea vittoria dello Sparta Praga sul campo dell’Hapoel Beer Sheeva. I cechi, pertanto, guidano la classifica con 6 punti, due in più rispetto agli israeliani e agli inglesi, mentre l’Inter è ancora ultima a quota 3.

La sessione serale, invece, non è altrettanto propizia per i colori italiani contro le due compagini più note della capitale austriaca. Il match del Sassuolo a Vienna parte in salita contro il Rapid a causa della rete lampo di Schaub, ma uno sciagurato autogol di Schrammel regala ai neroverdi l’1-1, un punto d’oro, al termine di un match non entusiasmante, per restare al secondo posto in classifica in scia del sorprendente Genk.

A Roma, intanto, si consuma un autentico suicidio. La doppietta di El Shaarawy e la rete di Florenzi sembrano indirizzare i giallorossi verso un’agevole vittoria, a dispetto dello svantaggio iniziale causato dal gol di Holzhauser, ma un blackout nei minuti finali consente all’Austria Vienna di rimontare clamorosamente i due gol di scarto e chiudere la gara sul 3-3, riaprendo anche il discorso qualificazione. In testa al gruppo E, infatti, attualmente al primo posto si trovano proprio i capitolini e gli austriaci a quota 5 punti, ma alle spalle incalza l’Astra Giurgiu, vittorioso a Plzen e salito in terza posizione, a sole due lunghezze di distacco dalla vetta. Fra due settimane, dunque, servirà una decisa inversione di rotta da parte dei ragazzi di Spalletti per non compromettere un passaggio del turno che fino all’80’ oggi sembrava già praticamente scontato.

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo Facebook
Clicca qui per seguirci su Twitter

Foto: Facebook Eusebio Di Francesco

Lascia un commento

Top