Vuelta a España 2016: un’ultima settimana che promette spettacolo

Schermata-2016-08-27-alle-17.43.11.png

Un’ultima settimana che si annuncia davvero spettacolare quella che attende i corridori impegnati alla Vuelta a España 2016. Dopo la sedicesima frazione, quella odierna conclusasi con lo sprint vincente di Drucker, domani ci sarà il giorno di riposo, mentre da mercoledì in poi i corridori saranno impegnati in un tour de force fino alla conclusione di domenica a Madrid.

Già dopodomani a Llucena, Camins de Penyagolosa, bisognerà stare molto attenti: una rampa finale di quattro chilometri con pendenze davvero mostruose, che superano quasi la media del 13% e punte che vanno di gran lunga oltre il 20%. Giovedì una frazione intermedia con la conclusione a Gandìa, poi le ultime due occasioni per ribaltare la classifica: la cronometro di venerdì e il tappone di sabato. I 37 chilometri che portano da Xàbia a Calp sembrano essere ideali per gli specialisti puri. Quattro GPM di seconda categoria prima del finale terribile sull’Alto de Aitana invece per decretare il vincitore di questa Vuelta: 21 lunghissimi chilometri al 6% di pendenza media, una salita che non finisce mai, con oltre un’ora di percorrenza.

Da seguire assolutamente la lotta per la maglia rossa che, almeno per il momento, sembra però essere a nettissimo vantaggio di Nairo Quintana. Il colombiano della Movistar per ora è il vero dominatore di questa Vuelta e dovrà stare attento agli attacchi di Chris Froome che però non potrà aspettare solo la prova contro il tempo per recuperare i 3’37” di svantaggio. Poi ovviamente Alberto Contador, uomo di classe e coraggio: non avrà la gamba di una volta, ma l’ultimo assalto al podio ci sarà sicuramente, magari con un attacco fantasioso in suo stile. In casa Italia invece sarà da seguire la battaglia per la top-10 che vede Davide Formolo e Michele Scarponi come protagonisti, magari anche a caccia di una possibile vittoria parziale.

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

gianluca.bruno@oasport.it

Foto: By Pymouss (Own work) [CC BY-SA 4.0], via Wikimedia Commons

Lascia un commento

Top