Vuelta a España 2016, le pagelle della sedicesima tappa: bravo Bennati!

Schermata-2016-09-05-alle-19.17.01.png

Finale incandescente per la sedicesima tappa della Vuelta a España 2016 con arrivo a Peñíscola dopo una prima parte di gara regolare e consona ad una frazione destinata ai velocisti. Le pagelle.

DRUCKER Jeanne-Pierre, voto 9: terza vittoria in carriera, la seconda del 2016 ma nettamente la più prestigiosa del lotto. Il lussemburghese in forze alla Bmc ha avuto la bravura e la fortuna di trovarsi a ruota di Gianni Meersman al momento giusto, sfruttando un ottimo punto d’appoggio per uscire nei 100 metri finali e andarsi a prendere il successo.

SELIG Rüdiger, voto 8: per la prima volta tra i migliori 90 alla Vuelta, trova un secondo posto che dà morale. In campo internazionale non si è mai imposto come sprinter di livello e la piazza d’onore odierna è importantissima per lui.

ARNDT Nikias, voto 6,5: la concorrenza non è di quelle spietate e un atleta come lui potrebbe sfruttare meglio l’opportunità per provare a ritagliarsi un posto da velocista anche nelle prossime stagioni. Attualmente la sua dimensione sembra essere più quella dell’ultimo uomo.

MEERSMAN Gianni, voto 5: va bene la voglia di andare a prendere Bennati, ma lanciare la volata a 400 metri dal traguardo con quella veemenza è stato un vero e proprio suicidio, dal punto di vista sportivo. Poco lucido nonostante l’azzurro fosse ormai a pochi metri. Alla fine è quarto.

SBARAGLI Kristian, voto 5: non sono le sue volate, difetta in velocità di punta. Questo gli impedisce di raccogliere risultati migliori nelle tappe facili. Settimo.

BENNATI Daniele, voto 7,5: il colpo l’aveva preparato. A 2400 metri dal traguardo ha tentato l’attacco da finisseur sfruttando le tante curve nel finale di gara. Il gruppo non gli lascia mai più di 70-80 metri e si riporta sulla sua ruota a mezzo chilometro dalla conclusione. Complice una piccola indecisione tra gli inseguitori, prova a ripartire ma il secondo tentativo ha vita breve. In ogni caso, coraggioso a provare mescolare le carte: le volate di gruppo non fanno più per lui, ma non per questo rinuncia a prescindere alla possibilità di vincere.

Twitter: @Santo_Gianluca

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

gianluca.santo@oasport.it

Foto: By S. Plaine (Own work) [CC BY-SA 4.0], via Wikimedia Commons

Lascia un commento

Top