Vuelta a España 2016: Bennati ci prova, ma lo sprint lo vince Drucker

Schermata-2015-09-20-alle-16.30.31.png

Dopo le fatiche degli ultimi giorni, una frazione leggermente più rilassata alla Vuelta a España 2016: sul finale però lo spettacolo non è mancato, con Daniele Bennati che ha provato ad anticipare lo sprint, vinto poi alla grande dal lussemburghese Jean-Pierre Drucker. Nessun problema per Nairo Quintana che mantiene la Maglia Rossa.

Sei i corridori in fuga sin dalla partenza: Davide Villella (Cannondale – Drapac), Mario Costa (Lampre – Merida), Silvan Dillier (BMC), Sven Erik Bystrom (Katusha), Luis Angel Mate (Cofidis) e Julien Morice (Direct Energie). Il gruppo ha gestito al meglio la situazione, lasciando il vantaggio sempre all’incirca sui 3′. Anche il vento ha colpito il plotone che ha guadagnato secondi su secondi nel finale di gara: i fuggitivi a circa 20 km dal traguardo sono rimasti in tre, con Mate, Dillier e Bystrom che hanno provato a dare tutto per anticipare la volata. A dieci chilometri dall’arrivo però non c’è stato nulla da fare, con il plotone che si è ricompattato.

Le squadre dei velocisti si sono lanciate ad altissimo ritmo verso la volata. A circa due chilometri dall’arrivo una splendida azione di Daniele Bennati che ha provato a sorprendere tutti grazie ad un paio di curve a disposizione, ma il lavoro della Etixx Quick Step ha reso vano lo scatto dell’aretino, raggiunto a volata partita a trecento metri dallo striscione del traguardo. Gianni Meersman (Etixx) è partito lunghissimo, anticipando troppo i tempi e venendo superato da Jean-Pierre Drucker (BMC) che ha trionfato a braccia alzate. Secondo posto per il tedesco Selig, poi l’altro teutonico Arndt e lo stesso Meersman. Settimo il nostro Kristian Sbaragli (Dimension Data).

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

gianluca.bruno@oasport.it

Foto: CC-BY-SA 4.0 – wikimedia

Lascia un commento

Top