Vela, Paralimpiadi Rio 2016: Gualandris-Zanetti per chiudere il cerchio, azzurri a caccia del podio nello Skud 18

Vela-Paralimpiadi-Gualandris-Zanetti.jpg

Dal 2013 al 2015 sempre sul podio tra Mondiali ed Europei. Dopo il il quinto posto a Londra 2012, Marco Gualandris e Marta Zanetti non vogliono mancare l’appuntamento con le medaglie a Rio. “A Londra, con tre mondiali vinti – spiega Gualandris sul corriere.it – speravamo di conquistare la vittoria. Ma la medaglia olimpica ci manca e questa volta anche la fortuna potrebbe esserci d’aiuto”. 

LA CLASSE SKUD 18 Realizzata dallo stesso progettista del 49er Julian Bethwaite, questa barca di nuova generazione è presente nel panorama olimpico da Pechino 2008.  Tra gli undici equipaggi presenti in Brasile i favoriti sono gli australiani iridati 2014 e 2015 Daniel Fitzgibbon-Liesl Tesch e i britannici Alexandra Rickham-Niki Birrell, anche loro più volte sul podio e vice-iridati 2016 alle spalle dei polacchi Monika Gibes-Piotr Cichocki.

Con loro anche i due finanzieri allenati dal tecnico Filippo Togni, preoccupato sopratutto per l’inquinamento: “I cinque cerchi sono il sogno di ogni atleta. Spero che ce la faremo. Marco e Marta sono persone molto diverse, ma abbiamo trovato la trama giusta. Dovremo solo far attenzione alle condizioni di pulizia dell’acqua, perché potrebbero esserci dei problemi. Ma i ragazzi sono determinati”. Soprannominati gentlemen per la loro pacatezza in acqua, gli azzurri dovranno tirare fuori gli artigli per prendersi quell’alloro che coronerebbe una grande carriera.

I risultati di Marco Gualandris e Marta Zanetti nell’ultimo quadriennio:

Giochi Paralimpici:

  • Londra 2012 – 5°

Campionati del Mondo:

  • Kinsale (IRL) 2013 – 2°
    Nova Scotia (CAN) 2014 – 3°
    Melbourne (AUS) 2015 – 3°
  • Delta Lloyd 2016 – 2016

Campionati Europei:

  • Arbon (SWI) 2013 – 2°
    Medemblik (NED) 2014 – 2°
    Valencia (ESP) 2015 – 2°

francesco.drago@oasport.it

Lascia un commento

Top