Vela, la Sailing World Cup a Qingdao. Dominio cinese nella prima giornata, Coccoluto quarto nel Laser

Giovanni-Coccoluto-Vela-Profilo-FB-Coccoluto.jpg

La Sailing World Cup fa tappa a Qingdao, in Cina, dove si sta svolgendo il penultimo appuntamento della competizione prima delle finali in programma a Melbourne. Si tratta anche dell’ultima occasione in cui una gara di Coppa del Mondo si disputa in Cina, dato che dal prossimo anno la tappa asiatica si disputerà in Giappone. La scarsa partecipazione di atleti di livello internazionale alla competizione emerge in maniera evidente scorrendo la “entry list”. La stragrande maggioranza degli iscritti alle varie classi in programma è composta da velisti di nazionalità cinese e soltanto il Laser maschile può vantare una flotta di livello internazionale con 33 iscritti, tra cui gli italiani Zeno Gregorin e Giovanni Coccoluto. In testa alla gara dopo due regate c’è l’argento olimpico croato Tonci Stipanovic, che ha collezionato finora un primo e un terzo posto. Alle sue spalle il britannico Lorenzo Brando Chiavarini (7-1) e l’irlandese Finn Lynch. Quarto un ottimo Coccoluto, che ha riscattato un deludente decimo posto nella prima regata con un’eccellente seconda piazza nella seconda. Gregorin, invece, è soltanto 24° nella classifica parziale della prima giornata. Nel Laser femminile guida la classifica la cinese Dongshuang Zhang con due successi nelle prime due prove, davanti alla connazionale Rubei Yuan e alla finlandese Monika Mikkola. La classe RS:X è dominata dalla compagine cinese: Chunzhuang Liu guida la graduatoria maschile, mentre Manjia Zheng è in testa alla classifica fra le donne. Stesso discorso per la classe 470, dove Mengxi Wei e Yani Xu sono al comando dopo due prove nella categoria femminile, mentre Hao Lan e Chao Wang guidano la classifica provvisoria tra gli uomini. Lei Gong, infine, è in testa nel Finn maschile. L’evento non prevede regate per le classi Nacra, 49er e FX.

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo Facebook
Clicca qui per seguirci su Twitter

Foto: Facebook Giovanni Coccoluto

Lascia un commento

Top