Tuffi grandi altezze, Red Bull World Series 2016: Navratil ci ha preso gusto, doppietta a Mostar

Tuffi-grandi-altezze-mostar-foto-facebook-red-bull-cliff-diving.jpg

53 tappe senza un successo e poi, nel momento peggiore della carriera, dopo un infortunio con tanto di operazione al ginocchio, il ceco Michal Navratil infila una doppietta da sogno. Dopo il Galles è sua anche la Bosnia Erzegovina, appuntamento stagionale delle Red Bull World Series tra i più attesi perché dai 28 metri dello Stari Most di Mostar, distrutto durante la guerra dei Balcani e ricostruito 11 anni dopo, nel 2004, ci si tuffava già dal XVI secolo.

497.95 il suo punteggio, con il britannico Gary Hunt nuovamente secondo con 493.30: ancora battuto in volata e per la prima volta nella storia a secco di successi per tre tappe consecutive, il campione in carica rafforza comunque la sua leadership nella classifica generale portandosi a +220 punti (1060 a 940) sul secondo, il messicano Jonathan Paredes oggi quinto dietro agli statunitensi David Colturi e Steven Lo Bue. Terzo dopo la fase preliminare di ieri, l’azzurro Alessandro De Rose chiude nono.

Hurrà canadese al femminile, con Lysanne Richard che si dimostra l’unica in grado di superare l’australiana Rhiannan Iffland in stagione per un totale di due vittorie a tre nei cinque eventi finora disputati. L’oceanica oggi terza resta in vetta con 890 punti, 80 lunghezze di vantaggio sulla nordamericana autrice di 244.90. Seconda Cesilie Carlton per gli Usa. Il 16 ottobre a Shirahama (Giappone) ottava tappa.

 

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

Clicca qui e metti mi piace per restare sempre aggiornato sul mondo dei tuffi azzurri

francesco.caligaris@oasport.it

Twitter: @FCaligaris

Foto da: pagina Facebook Red Bull Cliff Diving

Lascia un commento

Top