Short track: inaugurato il nuovo Centro Federale a Courmayer

short-track-ariann-fontana-sochi-fb-arianna-fontana.jpg

La nazionale italiana di short track avrà una casa ammodernata ed all’avanguardia per i propri allenamenti in vista dei prossimi impegni internazionali. Parliamo del Courmayeur Forum Sport Center che, nella giornata di ieri alle ore 16:00, si è mostrato al pubblico con tutti i vertici della Fisg orgogliosi dell’opera realizzata. Un’inaugurazione che ha visto la presenza presidente Fisg Andrea Gios, del vicesindaco di Courmayeur, Massimo Sottile, dell’allenatore della nazionale  Kenan Gouadec e di tutta la squadra italiana impegnata a gareggiare nell’impianto ieri ed oggi nella prestigiosa “Coppa Courmayer” che vede sfidarsi l’Italia e la Polonia.

Un’occasione dunque per mostrare la pista ammodernata in un contesto agonistico internazionale. Secondo quanto viene riportato dal sito della Fisg, il nuovo centro tecnico federale è uno delle pochissime strutture in Europa a poter vantare la presenza, a bordo pista, di materassi mobili di ultima generazione (spessi 90 centimetri, il doppio di quelli precedenti) senza più alcuna balaustra: un’innovazione che risponde a pieno ai più alti standard di sicurezza e che permetterà alla struttura di possedere i requisiti necessari per ospitare competizioni olimpiche. Un lavoro di equipe importantissimo anche per ospitare in futuro una tappa di Coppa del Mondo e godere della vetrina degli Europei 2017 in gennaio.

Sono dunque diversi gli obiettivi da centrare per la Federazione, sia da un punto di vista organizzativo che agonistico. Ne è ben conscio il presidente Gios il quale dopo “il taglio ufficiale del nastro” ha dichiarato orgogliosamente: “Voglio ringraziare sentitamente l’amministrazione comunale di Courmayeur che con coraggio e lungimiranza ha scelto di investire in un centro sportivo di alta specializzazione in grado di agevolare il lavoro e la preparazione dei nostri atleti. Dedicare tempo e risorse a questi progetti testimonia quanto  Courmayeur creda nei ragazzi, nello sport e nel movimento. La nascita di un vero e proprio centro federale gioverà alla crescita dei più giovani e all’intero percorso dei nostri azzurri verso Pyeongchang 2018. Le Olimpiadi, in questo senso, rappresentano il fulcro dello sport, dei suoi valori e del suo futuro: onorarle al meglio è un privilegio e un dovere. Nel ringraziare i tecnici e gli atleti, senza i quali nulla di tutto ciò sarebbe possibile, desidero far loro i miei migliori auguri per la stagione che ci attende, fondamentale step nel lungo cammino verso i Giochi. Vorrei infine sottolineare la vocazione internazionale di questa struttura che si aprirà fin da subito alla collaborazione con altre nazioni e federazioni, forte anche dell’estremo grado di sicurezza garantito dalla recente installazione, lungo la pista, di materassi fissi ad assorbimento d’urto sostitutivi delle vecchie balaustre”.

Come detto, una giornata che ha visto i nostri atleti non solo spettatori ma anche impegnati sul ghiaccio per disputare delle gare. Tra gli azzurri, anche in quest’occasione, è stata Arianna Fontana a distinguersi, vincitrice dei 1500 metri, 1000 metri e di entrambe le finali dei 500 metri con Lucia Peretti ad essere la prima delle inseguitrici. Nel settore maschile sono da segnalare i successi firmati da Tommaso Dotti nei 1000 e 1500 metri , mentre Andrea Cassinelli si è aggiudicato entrambi gli ultimi atti dei 500 metri. Un inizio col piede giusto, come sottolineato dallo stesso Gouadec, a cui va fatto seguito un lavoro di preparazione specifico per la World Cup e le rassegne europee e mondiali in programma nella stagione 2016-2017.

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

giandomenico.tiseo@oasport.it

Twitter: @Giandomatrix

Foto da pagina FB Arianna Fontana

Tag

Lascia un commento

Top