Paralimpiadi Rio 2016: le speranze di medaglia dell’Italia ed il borsino di martedì 13 settembre

Francesco-Bocciardo-nuoto-paralimpico-foto-finp.jpg

Nuova giornata di competizioni ai Giochi Paralimpici di Rio 2016, dove l’Italia spera di poter rimpinguare il proprio bottino di medaglie i tanti allori conquistati nei giorni passati. Vediamo quali saranno le principali possibilità azzurre di martedì 13 settembre.

Roberto AIROLDI; Alessandro ERARIO – Arco ricurvo individuale

Le principali speranze di podio in questa prova sono affidate a Roberto Airoldi, che ha conquistato già il bronzo nella prova a squadre in coppia con Elisabetta Mijno. L’arco paralimpico azzurro difficilmente tradisce le aspettative, ma nella gara individuale la concorrenza è davvero di alto livello.

Possibilità di medaglia: 30%

Alvise DE VIDI – finale 100 mt (m) – cat. T51

Il veterano azzurro è il più medagliato tra gli atleti italiani presenti a Rio 2016, ma gli anni passano per tutti e gli avversari sono sempre più agguerriti. Una quindicesima medaglia paralimpica rappresenterebbe l’ennesima impresa della stellare carriera di De Vidi, ma i pronostici della vigilia non pendono dalla sua parte.

Possibilità di medaglia: 25%

Francesco BOCCIARDO; Marco Maria DOLFIN – 400m Stile (m) S6

I 400 metri stile libero rappresentano la distanza di predilezione di Francesco Bocciardo, che attualmente detiene il titolo mondiale e quello europeo. Il genovese sarà dunque uno dei favoriti della prova, mentre Marco Maria Dolfin può puntare più concretamente all’accesso in finale.

Possibilità di medaglia: 75%

Arianna TALAMONA – 200m Misti Individuali (f) SM7

Ventiduenne di Varese, Arianna Talamona vanta un’ottima collezione di medaglie europee, ma è proprio nei 200 metri misti dove ha ottenuto l’unico titolo continentale, quest’anno a Funchal. Sesta nell’ultima competizione iridata, l’azzurra dovrà ripetere i crono della rassegna europea per salire sul podio.

Possibilità di medaglia: 45%

Vincenzo BONI – 50m Stile (m) S3

Napoletano classe 1988, Vincenzo Boni arriva a questa gara già forte del bronzo vinto nei 50 metri dorso. Ora proverà a ripetersi nello stile libero, distanza che gli ha regalato un argento europeo quest’anno a Funchal e soprattutto il bronzo mondiale lo scorso anno a Glasgow.

Possibilità di medaglia: 55%

Matteo BETTI – Spada individuale categoria A

Lo schermidore senese può già vantare la medaglia di bronzo ottenuta quattro anni fa a Londra 2012, oltre a tanti podi ottenuti nelle altre competizioni internazionali. A lui spetterà il compito di regalare la prima medaglia italiana di questa disciplina che nella prima giornata ha reso meno del previsto.

Possibilità di medaglia: 60%

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo Facebook
Clicca qui per seguirci su Twitter

Immagine: FINP

giulio.chinappi@oasport.it

Lascia un commento

Top