Nuoto, Paralimpiadi Rio 2016: Daniel Dias ed Ihar Boki tra i grandi protagonisti in vasca

Nuoto-Ihar-Boki.jpg

Penultima giornata di finali per il nuoto ai Giochi Paralimpici di Rio 2016: scopriamo tutte le medaglie assegnate quest’oggi.

La prima finale di oggi, quella dei 100 metri stile libero S7 maschili, ha visto la vittoria del cinese Pan Shiyun, che in 1’00″82 ha preceduto il colombiano Carlos Serrano Zarate (1’01″84) e l’ucraino Ievgenii Borodaiko (1’02″12).

Nei 100 metri stile libero S7 femminili, la statunitense McKenzie Coan ha preceduto in 1’09″99 la connazionale Cortney Jordan (1’12″80), mentre terza si è classificata la cinese Huang Yajing (1’12″85).

I 100 metri dorso S9 maschili hanno visto il successo dell’ungherese Tamás Tóth, che ha toccato la piastra in 1’04″30. Secondo posto per il cinese Liu Xiaobing (1’04″46), bronzo per l’australiano Brenden Hall (1’04″67).

Nell’omologa gara femminile, l’australiana Ellie Cole ha conquistato la vittoria con il nuovo primato paralimpico, fissato ad 1’09″18. Completano il podio la spagnola Nuria Marques Soto (1’09″57) e la statunitense Hannah Aspden (1’10″67).

La finale dei 50 metri stile libero S8 maschili ha visto la vittoria del cinese Wang Yinan, che con il tempo di 26″24 ha battuto due ucraini, Bohdan Hrynenko, argento in 26″67, e Iurii Bozhynskyi, bronzo in 26″75.

Record del mondo per l’australiana Maddison Elliott, che con il tempo di 29″73 si è aggiudicata il titolo paralimpico dei 50 metri stile libero S8 femminili. La festa Aussie è stata completata dall’argento di Lakeisha Patterson (30″13), bronzo alla cinese Jiang Shengnan (30″53).

Nei 50 metri dorso S4 maschili, Efrem Morelli ha chiuso in ottava posizione con il tempo di 52″54. Il successo è andato al ceco Arnošt Petráček, che con il tempo di 43″12 ha staccato nettamente il cinese Liu Yuntao (45″01) ed il messicano Jesús Hernández Hernández (45″30). Pluricampione paralimpico della specialità, l’altro messicano Juan Reyes ha chiuso quarto in 45″46.

Quinto posto per Arjola Trimi nei 50 metri dorso S4 femminili: l’azzurra ha chiuso con il tempo di 54″03, distante dal terzo gradino del podio, occupato dall’ucraina Maryna Verbova (52″28). Successo delle atlete cinesi, con Cheng Jiao (48″11) che ha preceduto la connazionale Yue Deng (50″01).

Nei 200 metri misti SM11 maschili si è imposto lo spagnolo Israel Oliver, che in 2’24″11 ha battuto l’ucraino Viktor Smirnov (2’26″57) ed il cinese Yang Bozun (2’27″82).

Successo dell’olandese Liesette Bruinsma nella finale dei 200 metri misti SM11. L’atleta Oranje ha toccato la piastra in 2’49″87, precedendo così la svedese Maja Reichard (2’51″72) e la cinese Xie Qing (2’51″98).

Primato paralimpico per il bielorusso Ihar Boki, che nella finale dei 100 metri stile libero S13 maschili ha chiuso le due vasche in 50″90. Due medaglie per l’Ucraina, con Iaroslav Denysenko secondo in 52″40 e Maksym Veraksa terzo in 52″77.

Ucraina ancora protagonista, questa volta con una medaglia d’oro nei 100 metri stile libero S13 femminili: a vincere è stata infatti Anna Stetsenko, che in 59″19 ha battuto la statunitense Rebecca Meyers (59″77) e la britannica Hannah Russell (1’00″07). Alessia Berra ha chiuso in settima posizione con il nuovo primato italiano di 1’02″16.

Attesissima dal pubblico brasiliano, la finale dei 50 metri dorso S5 maschili ha visto come da pronostico il trionfo del padrone di casa Daniel Dias. Con il crono di 35″40, il nuotatore verdeoro ha battuto il britannico Andrew Mullen (37″94) e l’ungherese Zsolt Vereczkei (38″92). Andrea Massussi ha toccato la piastra in settima posizione con il tempo di 42″22.

I 50 metri dorso della classe S5 femminile hanno regalato una seconda medaglia d’oro alla Spagna, con Teresa Perales che si è presa il titolo paralimpico in 43″03. Alle sue spalle troviamo la ceca Běla Třebínová (44″51), mentre la norvegese Sarah Louise Rung ha conquistato una nuova medaglia chiudendo in terza posizione con il tempo di 45″40.

Nei 150 metri misti SM3 maschili, il cinese Huang Wenpan è andato a prendersi una nuova medaglia d’oro, facendo segnare anche il primato mondiale con il tempo di 2’40″19.L’asiatico ha battuto negli ultimi metri l’ucraino Dmytro Vynohradets’ (2’40″75), mentre l’altro cinese Du Jianping ha chiuso più staccato (2’52″32).

Il programma del nuoto si è concluso con la staffetta 4×100 metri mista femminile, nella quale la Gran Bretagna ha realizzato il nuovo primaot mondiale in 4’45″23, battendo sul tocco l’Australia (4’45″85). Bronzo per gli Stati Uniti (4’50″34).

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo Facebook
Clicca qui per seguirci su Twitter

giulio.chinappi@oasport.it

Tag

Lascia un commento

Top