MotoGP, GP Gran Bretagna 2016: primo sigillo per Maverick Vinales. Valentino Rossi lotta con Marquez: è 3°!

Vinales-Libera.jpg

Primo successo in carriera in MotoGP per Maverick Vinales. Il 21enne spagnolo, già sul podio in Francia in questa stagione, ha dominato dal primo all’ultimo giro a Silverstone, regalando alla Suzuki una vittoria che mancava dal 2007, quando l’australiano Chris Vermeulen si impose sotto la pioggia a Le Mans. In una gara ricca di colpi di scena, il britannico Cal Crutchlow (Honda Lcr) ha conquistato un sorprendente secondo posto davanti a Valentino Rossi (Yamaha), sul podio dopo un duello all’arma bianca con Marc Marquez (Honda), quarto.

Pronti-via e viene subito esposta la bandiera rossa che ferma tutto dopo un bruttissimo incidente tra lo spagnolo Pol Espargarò (Yamaha Tech3) ed il francese Loris Baz (Ducati Avintia), per fortuna senza gravi conseguenze.

Si riparte con 19 giri da percorrere. Lo show di Vinales inizia sin dalla prima tornata. L’iberico supera in rapida successione Rossi e Crutchlow, si porta al comando e allunga: lo rivedranno solo all’arrivo.

Marquez agguanta la seconda piazza, ma non riesce a guadagnare nulla su Vinales, che dopo 5 giri vanta già un margine di 2 secondi.

Dopo un avvio guardingo, Rossi inizia a macinare un buon ritmo, scavalca Crutchlow e Marquez e si lancia all’inseguimento del leader: anche il Dottore, tuttavia, non riesce ad assottigliare il gap.

Si forma così un gruppo folto in lotta per la seconda posizione, composto da Rossi, Marquez, Crutchlow, Pedrosa, Iannone e Dovizioso, mentre Jorge Lorenzo (Yamaha) naviga anonimo nelle retrovie.

Risale fortissimo Iannone, che si porta in seconda posizione. Ai -6 Rossi e Marquez danno vita ad un duello pazzesco: sorpassi e controsorpassi. I due si toccano, sembra di rivivere Sepang 2015. La spunta lo spagnolo, mentre Iannone scivola e Crutchlow allunga verso la piazza d’onore.

Marquez impiega due giri per riprendere Crutchlow, mentre Rossi sembra rassegnato al quarto posto. Il 23enne catalano attacca il britannico, finisce lunghissimo e perde terreno, dando addio al podio.

A festeggiare, così, è Vinales, dominatore indiscusso di una gara dove si è trovato a gestire anche 5 secondi di vantaggio sugli avversari. La Suzuki, che su pista asciutta non vinceva nella classe regina dal 2000 con Kenny Roberts jr. nel GP del Pacifico, mette la ciliegina ad una stagione in cui ha compiuto un salto di qualità evidente. Crutchlow si toglie il lusso di precedere Rossi e Marquez, mentre Daniel Pedrosa chiude la top5 davanti a Dovizioso, Aleix Espargarò e Lorenzo. Nono l’italiano Danilo Petrucci (Ducati Pramac).

In classifica generale non cambia quasi nulla: Marquez resta saldamente al comando con 210 punti, 50 lunghezze in più rispetto a Rossi. Nel prossimo fine settimana si va a Misano…E sarà un’altra battaglia.

federico.militello@oasport.it

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

 

Lascia un commento

Top