GP Quebec 2016: gara magnifica, vince Sagan su Van Avermaet

Sagan-Pier-Colombo.jpg

Peter Sagan - Foto: Pier Colombo


E’ iniziato il weekend di classiche World Tour in Canada con il GP Quebec: 200 chilometri su un circuito cittadino molto interessante fatto di strappi e discese molto tecniche. A trionfare è stato il campione del mondo Peter Sagan che ha sconfitto in una volata incredibile il campione olimpico Greg Van Avermaet, a sottolineare un ordine d’arrivo davvero di livello internazionale. Grandissima gara comunque, che ha visto protagonisti anche diversi corridori italiani.

La corsa si è ovviamente accesa con le ultime tornate, dove sono iniziati gli scatti. Il primo a muoversi è stato il danese Lars Bak (Lotto Soudal), ma al contrattacco è partita la coppia formata da Luke Rowe (Team Sky) e Julian Alaphilippe (Etixx Quick Step). Per i due un vantaggio che non ha superato il minuto, visto che il gruppo li ha tenuti ben d’occhio. Sul concludersi del terzultimo giro una delle azioni più importanti: sul rettilineo del traguardo è partito il nostro Gianni Moscon (Team Sky) seguito da un drappello nel quale era presente anche il vincitore della Vuelta 2015 Fabio Aru (Astana). Da questo plotoncino è ripartito Matej Mohoric (Lampre Merida), sloveno ex campione del mondo under 23. Sul finale del penultimo giro ci ha provato Paul Voss, tedesco della Bora Argon, ma per tutti gli attaccanti non c’è stato nulla da fare.

A tre chilometri dal traguardo una splendida azione di Matteo Trentin ha sganciato un terzetto del quale hanno fatto parte anche Gianni Moscon e Julian Alaphilippe, già protagonisti nelle fasi precedenti di gara. Il corridore trentino del Team Sky ha tirato fuori una sparata clamorosa ai due chilometri dal traguardo staccando la coppia della Etixx. All’ultimo chilometro però il campione uscente Rigoberto Uran (Cannondale Drapac) è arrivato sull’azzurro a doppia velocità involandosi verso il traguardo. A 100 metri dalla linea d’arrivo però la sorpresa clamorosa: il colombiano si è piantato sulle pendenze conclusive e da dietro il gruppo in rimonta è giunto rapidissimo con la volata lanciata. Proprio ai -50 metri il campione del mondo Peter Sagan (Tinkoff) ha sverniciato Uran, battendo di una bicicletta e mezza un altro dei grandi favoriti, il campione olimpico Greg Van Avermaet (BMC). Quarto Alberto Bettiol, settimo Diego Ulissi, a completare una grande giornata italiana.

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

gianluca.bruno@oasport.it

Foto: Pier Colombo

Lascia un commento

Top