Ciclismo, Paralimpiadi Rio 2016: la coppia d’amici Podestà-Mazzone pronta a dominare ai Giochi

podestà.jpg

Da domani entrano in gioco i nostri assi del paraciclismo nella rassegna paralimpica di Rio de Janeiro 2016. Luca Mazzone, Vittorio Podestà e Alex Zanardi sono da ormai tre anni sinonimo di successi, imbattibilità iridata e primati in serie. Forse un po’ oscurati mediaticamente dalla figura di Zanardi,  Mazzone e Podestà sono degni di approfondimento e lode per quello che hanno conquistato nell’ultimo triennio rappresentando una miniera d’oro per il movimento azzurro, legati altresì da un forte sentimento di amicizia.

LUCA MAZZONE

L’atleta pugliese ha una storia piuttosto particolare: partecipa alle Paralimpiadi di Sydney nel nuoto, vincendo l’argento nei 50 e 200 stile libero (categoria S4) sposando poi dal 2012 la causa della gare nella MH2 di ciclismo aggiudicandosi gare su gare. Ai Mondiali a Baie-Comeau, in Canada, nel 2013 arrivano 3 medaglie d’oro (crono, gara in linea e staffetta). L’anno successivo, nei campionati iridati  di Greenville 2014, nel South Carolina mette il sigillo nelle gare in linea e ottiene un argento nella crono.  Nel 2015 replica il tris di due anni prima, ai Mondiali a Nottwil, in Svizzera salendo tre volte sul podio più alto nella crono, nella gara in linea e nella staffetta. E, soprattutto, arriva la qualificazione alle Paralimpiadi di Rio de Janeiro 2016.  Ora Mazzone è pronto a raccogliere la sfida e chiudere il cerchio, andando a a caccia del successo più ambito.

VITTORIO PODESTA’

Venendo al 43enne ligure, della categoria MH3, il percorso di imbattibilità ha molte assonanze col suo amico e compagno di nazionale, citato precedentemente. Dal 2012, infatti, quando ottiene due bronzi (gara in linea, cronometro) ed un argento (staffetta) a Londra, Podestà ha iniziato la propria ascesa: in Canada, nella rassegna iridata nel 2013, conquista due ori, nella prova contro il tempo e a squadre, e un bronzo nella gara in linea; ai Mondiali di Greenville 2014 si ripete con due ori (a squadre e su strada) e un argento nella cronometro. Nel 2015, il vero trionfo per l’atleta classe ’73 sono campionati iridati di Nottwil nei quali l’azzurro fa l’en plein: 3 successi nelle 3 specialità col contributo della team “A Ruota Libera” costituito da Zanardi e Mazzone.

Ora il trio di “cannibali” vuol far sognare l’Italia e contribuire ad arricchire sensibilmente il numero di medaglie conquistate dalla nostra spedizione.

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

giandomenico.tiseo@oasport.it

Twitter: @Giandomatrix

Immagine: pagina FB Vittorio Podestà

Lascia un commento

Top