Ciclismo: Filippo Ganna, non chiamatelo dilettante. Pronto per il Mondiale U23 e… il professionismo

ganna.jpg

Non chiamatelo dilettante: allo stato attuale lo è, senz’altro, ma parrebbe un po’ riduttivo affibbiargli questo aggettivo. Filippo Ganna ha dimostrato quanto il suo talento sia cristallino, che la velocità che imprime alla sua bici in pista e su strada l’ha dentro. Lo sforzo c’è, sicuramente, ma, ancora una volta, ha dato prova di poterlo e saperlo sopportare.

Il recente argento conquistato a Plumelec, ai Campionati europei su strada, nella prova a cronometro Under 23, ha confermato tutto ciò che si è appena detto. Su un percorso di 25 km, si posiziona secondo a 30’’ dal tedesco Kamna. Considerando la sua età di (soli) 20 anni, i margini per dei miglioramenti ci sono tutti. E migliorare un secondo posto significa solo… vincere! A Londra, quest’anno, nel velodromo che fu delle Olimpiadi 2012, Ganna ha vinto l’inseguimento individuale su pista laureandosi, così, campione del mondo élite. Con una gara combattutissima, tutta in rimonta, su un altro tedesco (stavolta si trattava di Domenic Weinstein), il giovanotto, verbanese del Team Colpack, si è fatto conoscere al mondo intero.

Dal quel marzo iridato, la carriera di Filippo Ganna ha subìto una svolta importante con più squadre (anche World Tour, i team che partecipano di diritto alle gare più prestigiose) che hanno iniziato a seguirlo per capire se si trattasse di un fenomeno, di un talento in erba o di una meteora. Ma Campioni del mondo, in qualsiasi sport, non lo si diventa per caso e Filippo conferma tutto ciò che di buono ha fatto in stagione con un oro e un argento (rispettivamente nell’inseguimento individuale e a squadre) agli Europei U23 su pista di Montichiari 2016.

Con un passato da stagista alla Lampre-Merida, ora Ganna si appresta ad affrontare l’imminente Mondiale U23 di Doha, che si svolgerà nella capitale qatariota dal 9 al 16 ottobre, cosciente che questa sarà un’altra tappa molto importante della sua carriera dato che si presenta con un palmarès che, a 20 anni, è di tutto rispetto. Gli occhi degli addetti ai lavori saranno puntati, anche, su di lui.

Ora, per la prossima stagione, il team italiano con licenza World Tour Lampre-Merida vuole offrirgli un contratto da professionista. Anche per questo, ma non solo: non chiamatelo dilettante!

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

Foto: Pagina Facebook Filippo Ganna

Lascia un commento

Top