Canottaggio, Olimpiadi: novità nel programma a Tokyo 2020? Più gare femminili, rischia il 4 senza pl

4-senza-pl-La-Padula-Di-Seyssel-Oppo-Goretti-Canottaggio-Pier-Colombo.jpg

Novità in arrivo nel programma olimpico del canottaggio, molto probabilmente già a partire da Tokyo 2020. La Federazione Internazionale (World Rowing) mette in chiaro una necessità basilare: garantire il medesimo numero di gare per gli uomini e le donne.

Per farlo, chiaramente, servirà eliminare alcune competizioni per introdurne altre.

Nello specifico, sono al vaglio tre ipotesi. 

  1. Eliminazione del 4 senza pesi leggeri maschile, sostituito dal 4 senza senior femminile.
  2. Eliminazione di due prove maschili (4 senza pl e 4 senza senior) ed inserimento del singolo pesi leggeri, sia per gli uomini sia per le donne.
  3. Eliminazione totale del doppio senior (maschile e femminile) e del 4 senza pl, con inserimento del singolo pesi leggeri maschile e femminile e del 4 senza senior femminile.

Attualmente l’opzione 1 sembra la più percorribile e di più semplice realizzazione. In ogni caso, si può notare che il 4 senza pl maschile viene sempre escluso in tutte le ipotesi, dunque appare molto probabile un’esclusione di questa barca dal programma di Tokyo 2020.

Con l’incremento delle gare femminili, l’Italia dovrà investire senza indugio su un settore dove non è davvero mai riuscita a decollare, esclusa la parentesi di Milani-Sancassani nel biennio 2013-2014. I recenti risultati dei Mondiali juniores di Rotterdam, tuttavia, lasciano ben sperare.

federico.militello@oasport.it

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

Foto: Pier Colombo

Tag

One thought on “Canottaggio, Olimpiadi: novità nel programma a Tokyo 2020? Più gare femminili, rischia il 4 senza pl”

  1. Gabriele Dente scrive:

    Ma come si può anche solo pensare di togliere dal programma il 4 senza o il 2 di coppia senior?!
    Visti gli stupidi paletti del CIO che penalizzano molte discipline, credo che l’unica soluzione possibile sia la 1.

    P.S. Le federazioni nazionali e internazionali stanno finendo sempre più spesso in mano a gente che non ama la propria disciplina.

Lascia un commento

Top