Calcio, sesta giornata Serie A 2016-2017: Juve a Palermo, match interni per Napoli e Inter

Dybala-Juventus-Calcio-Pagina-FB-Dybala.jpg

Le partite della sesta giornata di Serie A. La Juventus difende il primato a Palermo, il Napoli ospita invece il Chievo.

Palermo-Juventus 

Nuova sfida isolana per i campioni d’Italia dopo la passeggiata contro il Cagliari. Match sulla carta senza storia con gli uomini di Allegri che proveranno a espugnare un campo storicamente ostico ai bianconeri. Su 27 partite, la Juve ne ha infatti vinte 13, pareggiate 8 e perse 6. Numeri importanti che potrebbero essere d’aiuto alla squadra di Roberto De Zerbi. Fresco vincitore del primo match a Bergamo, l’allenatore ex Foggia ha un pedigree simile a quello di Allegri. Giocatore di talento e promotore di un calcio propositivo, anche il bresciano è arrivato nella massima serie senza passare dalla cadetteria.

Napoli-Chievo

Match ‘europeo’ al San Paolo tra la seconda e la quarta forza del campionato. Da sempre avversario ostico per i padroni di casa – sei vittorie del Napoli, due pareggi e due vittorie del Chievo –  la compagine di Maran proverà a chiudere nel migliore dei modi una settimana che l’ha vista trionfare contro Udinese e Sassuolo. Diverso l’avvicinamento del Napoli che dovrà pensare anche alla fondamentale partita di Champions contro il Benfica.

Torino-Roma

Il poker al Crotone ha ridato fiducia alla Roma che cerca ora continuità di risultati a Torino. I piemontesi tra le mura amiche comandano nei precedenti: 31 i successi in 71 incontri di Serie A, a fronte di 27 pareggi e 13 gioie romaniste. Gli ultimi tre confronti sono sempre terminati sull’1-1.

Genoa-Pescara

Organizzazione e idee non mancano di certo a Genoa e Pescara. Reduci dal pareggio in casa contro il Napoli, gli uomini di Ivan Juric proveranno a ottenere i tre punti contro una compagine ancora a secco di vittorie sul campo ma comunque protagonista di buone partite. Il match più singolare si verificò nel campionato ’92-’93, quando i padroni di casa liguri si imposero 4-3 sugli abruzzesi. A rendere storica quella gara ci pensò l’arbitro Chiesa che ammonì due volte il genoano Dobrovolsky senza tuttavia mandarlo fuori dal campo. La partita non fu tuttavia ripetuta, con il direttore di gara che affermò di aver ammonito prima Fortunato e poi Dobrovolski, nonostante le immagini televisive non confermassero la sua versione dei fatti.

Inter-Bologna

Classica del campionato che vede l’Inter di Frank De Boer sfidare il Bologna di Roberto Donadoni. Entrambe vincenti contro Empoli e Sampdoria, le due squadre vincitrici di ben 25 scudetti complessivi si affrontano per  la 75^ volta al Meazza. Netta la supremazia dei nerazzurri che si sono imposti in 42 sfide contro le 12 rossoblu. 21 le partite terminate in pareggio.

Lazio-Empoli

All’Olimpico di Roma la Lazio non ha mai perso contro l’Empoli in Serie A. Sette vittorie e due pareggi i precedenti tra le due squadre entrambe sconfitte nel turno infrasettimanale. A essere in difficoltà sono sopratutto i toscani che detengono il peggior attacco di questa Serie A con appena due reti. Decisamente migliori i numeri della squadra di Simone Inzaghi, a caccia domenica della seconda vittoria interna stagionale.

Sassuolo-Udinese 

La sconfitta a tavolino contro il Pescara pesa parecchio sul bilancio dei neroverdi, protagonisti di ben tre sconfitte negli ultimi quattro incontri. La partita di domenica potrebbe essere l’occasione giusta per battere per la prima volta al Mapei Stadium l’Udinese, squadra sino a questo momento altalenante con ben cinque punti persi da situazione di vantaggio. Nessuna in A ha fatto peggio.

Fiorentina-Milan

Test importante per le ambizioni del Milan. Rinvigorita dalle due vittorie consecutive la compagine di Vincenzo Montella proverà ad allungare la striscia in un campo da sempre amico. I rossoneri sono infatti la squadra contro cui la Fiorentina ha perso più partite (ben 24) e subito più gol (100) nelle partite di A giocate in casa.

Crotone-Atalanta

Partita decisiva per le sorti di Gian Pietro Gasperini, costretto a giocarsi la panchina contro la squadra con cui ha esordito come allenatore. Ultima e penultima della classifica, Crotone e Atalanta detengono il peggior passivo (insieme al Cagliari) con ben 11 reti subite.

Cagliari-Sampdoria

16 vittorie sarde, 10 pareggi e 4 successi liguri il bilancio in A tra due squadre a caccia di punti dopo le sconfitte infrasettimanali. In difficoltà dopo l’ottimo inizio sopratutto la Sampdoria, squadra giovane che risulta essere insieme al Crotone l’unica ad aver segnato soltanto nei primi 45 minuti di gioco (5 reti il bottino). Questa con i blucerchiati e la prossima sempre in casa con il Crotone saranno due sfide fondamentali per capire il reale valore della squadra di Massimo Rastelli.

francesco.drago@oasport.it

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

Lascia un commento

Top