Basket, Supercoppa Italiana 2016: finale Milano-Avellino. Olimpia favorita ed obbligata a vincere, Sidigas pronta a sorprendere

basket-obasohan-avellino-supercoppa-foto-valerio-origo.jpg

Ancora una volta Milano-Avellino. Dalla finale di Coppa Italia a quella della Supercoppa Italiana. Saranno ancora l’Emporio Armani e la Sidigas ad affrontarsi al Forum d’Assago per il primo trofeo dell’anno. Sarà una finale inedita in Supercoppa tra due formazioni che nella loro storia non hanno mai vinto questa competizione.

L’Olimpia è stata sempre sconfitta nelle tre precedenti finali giocate, le ultime due consecutive con Sassari e Reggio Emilia e l’altra proprio ad Assago nel 1996 contro Verona. Avellino, invece, ha partecipato alla Supercoppa solo nel 2008 (anno della storica vittoria in Coppa Italia), perdendo con la Montepaschi Siena.

Un approdo all’ultimo atto del torneo diverso per Milano ed Avellino. L’Olimpia ha vinto agevolmente il derby lombardo contro la Vanoli Cremona, faticando nei primi venti minuti complice anche una straordinaria prestazione da tre punti della formazione di Pancotto. Subito dopo l’intervallo è stata un’altra Milano e per Cremona non c’è stata più scampo, con Cinciarini (alla prima da capitano) e compagni che hanno allungato in maniera definitiva, sforando anche il muro dei 100 punti.
Avellino, invece, ha dovuto aspettare proprio l’ultimo secondo della semifinale contro Reggio Emilia per festeggiare la qualificazione alla finale. Una partita molto combattuta, con la formazione di Sacripanti brava a reagire e rimontare nell’ultimo quarto, trovando poi la vittoria proprio sul suono dell’ultima sirena con una fantastica magia di Joe Ragland.

L’americano è il grande ex della serata, anche se non ha lasciato un buon ricordo tra i tifosi milanesi. Lui e Krunoslav Simon sono forse gli uomini chiave e decisivi per la vittoria finale, ma ci sono anche altri protagonisti annunciati. Tra questi certamente Rakim Sanders, MVP dell’ultima Coppa Italia, ma anche i tanti neo arrivati: da una parte Raduljica, Hickman, Dragic e Pascolo e dall’altra Cusin, Randolph, Obasohan e Thomas.

Le sensazioni della vigilia sono le stesse della finale di Coppa Italia della scorsa stagione. Milano è favorita ed è praticamente obbligata a vincere. L’Olimpia, però, nell’ultimo anno ha saputo combattere quella pressione e il mercato estivo eccezionale di questa estate ha creato una vera corazzata. Avellino si presenterà in campo senza nulla da perdere e con il ruolo pronto della guastafeste, per sovvertire un pronostico che sembra già scritto.

La finale sarà trasmessa in diretta ed in esclusiva alle 18.15 da Sky Sport 2.

 

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

foto di Valerio Origo

Lascia un commento

Top