Vuelta a España 2016, i favoriti: Froome, Contador e Quintana sfidano Chaves e Kruijswijk

Schermata-2016-07-09-alle-19.29.43.png

Sabato prenderà il via con una cronosquadre la 71esima edizione della Vuelta a España: terzo grande giro della stagione, può trasformarsi tanto nella possibilità di riscattare le delusioni della prima parte di stagione quanto quella di confermare vittorie e soddisfazioni.

Il favorito numero uno, almeno sulla carta, è Chris Froome: fino ad ora non ha mai vinto due corse di tre settimane nella stessa stagione e non ha mai vinto nè il Giro nè la Vuelta. Forte a cronometro e potenzialmente devastante in salita, i dubbi sul britannico del Team Sky sorgono per la sua condizione fisica, che dopo le Olimpiadi (chiuse con un bilancio solo parzialmente positivo grazie al bronzo nella cronometro) e il Tour de France potrebbe non essere ottimale.

Eliminato dal Tour de France da due cadute, Alberto Contador sotto questo punto di vista potrebbe avere una maggior brillantezza per provare a vincere l’ennesimo grande giro della carriera. Sfortunato, l’iberico della Tinkoff è riuscito in breve tempo a tornare ad allenarsi e a gareggiare: senza la trasferta sudamericana e lo stress Olimpico potrebbe giovare della situazione. Deludente al Tour de France e assente a Rio, Nairo Quintana dovrebbe essere il capitano della Movistar. Difficile valutare il ruolo di Alejandro Valverde, che però potrebbe provare a chiudere tra i migliori 10 anche la Vuelta dopo esserci riuscito a Giro e Tour. Quintana, dal canto suo, è tornato in Colombia dopo aver fallito alla Grande Boucle e questa è l’ultima opportunità per provare a ribaltare una stagione altrimenti negativa.

Sulla carta inferiore, potrebbero sovvertire i pronostici due corridori come Steven Kruijswijk ed Esteban Chaves. L’olandese della LottoNL-Jumb e il colombiano della Orica-BikeExchange sono stati i rivali più pericolosi per Vincenzo Nibali durante il Giro d’Italia e dalla fine della corsa rosa hanno avuto l’opportunità di preparare esclusivamente questa gara, quasi imitando il programma seguito da Fabio Aru nella scorsa stagione prima di conquistare la maglia rossa. Ottimi scalatori, sono alla ricerca della consacrazione internazionale e la Vuelta, negli ultimi anni, ha fornito diverse opportunità di questo genere.

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

gianluca.santo@oasport.it

Twitter: @Santo_Gianluca

Foto: Gyrostat (Wikimedia, CC-BY-SA 4.0) [CC BY-SA 4.0], via Wikimedia Commons

Lascia un commento

Top