Vuelta a España 2016, decima tappa: Lugones – Lagos de Covadonga

vuelta-2016-tappa10.png

Dopo nove tappe che hanno offerto poco o nulla ai fini della classifica generale, nonostante un Nairo Quintana apparso in grande spolvero, la Vuelta a España 2016 potrebbe finalmente essere arrivata al primo bivio. La decima tappa, 188 chilometri Lugones ai Lagos de Covadonga potrebbe scuotere la corsa spagnola.

Partenza soft, quantomeno dal punto di vista altimetrico e circa 140 chilometri senza vere e proprie salite nonostante qualche saliscendi che potrebbe favorire la formazione della fuga nella prima ora. Data la scarsa propensione del gruppo ad andare a recuperare gli attaccanti, la frazione odierna potrebbe essere caratterizzata da una lunga lotta per centrare l’attacco giusto e questo potrebbe condurre ad una prima ora molto veloce. L’Alto del Mirador del Fito, 6 chilometri prossimi all’8% con scollinamento a 40 dalla conclusione, potrebbe creare una prima scrematura sia tra i fuggitivi che nel plotone principale.

Dopo 10 chilometri in discesa, 18 chilometri tra pianura e leggero falsopiano verso l’ascesa. Dodici chilometri durissimi, con punte al 18% nel finale e una pendenza media del 7,2%. Questo dato, però, è influenzato da un paio di contropendenze nel finale: la salita vera e propria dura circa 8 chilometri, mentre negli ultimi 4 si alternano un paio di strappi e relative discese, terreno sui sarà possibile tanto recuperare terreno quanto perderne.

Twitter: @Santo_Gianluca

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

gianluca.santo@oasport.it

Lascia un commento

Top