Vuelta a España 2016: Calmejane beffa il gruppo, Atapuma nuovo leader

Schermata-2016-06-15-alle-17.34.55.png

Secondo arrivo in salita alla Vuelta a España 2016, seconda sorpresa: dopo Geniez è un altro transalpino a trionfare sulle vette iberiche. Nella quarta frazione, partita da Betanzos, e giunta vetta a San Andrés de Teixido dopo 163 chilometri a vincere è stato Lilian Calmejane (Direct Energie), alla più importante vittoria da professionista. Secondo posto per Darwin Atapuma, che va a prendersi la Maglia Rossa di leader della classifica generale.

Scenario diverso rispetto alle altre frazioni quello odierno: la Movistar non ha lasciato subito partire la fuga, che si è creata soltanto dopo oltre 20 chilometri. Sono ventuno i protagonisti di giornata: Darwin Atapuma (BMC), Enrico Battaglin (Lotto NL – Jumbo), Andrey Zeits (Astana), Chad Haga (Giant – Alpecin), Axel Domont (AG2R – La Mondiale), Thomas De Gendt (Lotto Soudal), Zdenek Stybar (Etixx – Quick Step), Benjamin King e Pierre Rolland (Cannondale – Drapac), Nathan Haas e Merhawi Kudus (Dimension Data), Lawrence Warbasse e Marcel Wyss (IAM Cycling), Tsgabu Grmay (Lampre – Merida), Stéphane Rossetto (Cofidis), Cesare Benedetti e Scott Thwaites (Bora-Argon18), Angel Madrazo e Jaime Roson (Caja Rural – Seguros RGA), Lilian Calmejane (Direct Energie). Il gruppo, guidato sempre dalla compagine spagnola che nei suoi ranghi ha il leader della classifica generale, non ha lasciato più di 5′ di vantaggio.

Sul finale, nel momento decisivo della corsa, il plotone ha rallentato il ritmo, abbandonando le ambizioni di successo di tappa e, lasciandole così, ai fuggitivi. Il primo a muoversi tra gli uomini al comando è stato Domont, che ha provato ad anticipare tutti i rivali. Raggiunto il francese, è partito al contrattacco un altro transalpino: Calmejane, autore di uno scatto bellissimo. Gli unici a provare ad inseguirlo sono stati Atapuma e Rolland, ma si sono dovuti accontentare dei piazzamenti, con il colombiano che però è riuscito a gestire il vantaggio sul gruppo, conquistando la maglia rossa. Discreti piazzamenti anche per gli azzurri presenti nella fuga, con Battaglin sesto e Benedetti decimo.

Tanta gestione per il gruppo: giunti assieme tutti i big, con la Movistar che si è accontentata di perdere la maglia di leader, per magari andarla a prendere nei prossimi giorni con Valverde.

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

By filip bossuyt (134 atapuma) [CC BY 2.0], via Wikimedia Commons

Lascia un commento

Top