Volley maschile, Olimpiadi Rio 2016 – Serve una grande Italia: sfida agli USA, a caccia del bis dopo aver asfaltato la Francia

Ivan-Zaytsev-Italia-volley.jpg

L’Italia torna in campo dopo la meravigliosa vittoria dell’esordio ottenuta contro la Francia. Le Olimpiadi di Rio 2016 sono iniziate nel miglior modo possibile per la nostra Nazionale di volley maschile che ha asfaltato i Campioni d’Europa con un netto 3-0, scacciando paura e demolendo un avversario che ci metteva soggezione.

Questa sera (ore 20.00 italiane, le 15.00 in Brasile) gli azzurri affronteranno gli USA nel secondo match del loro cammino a cinque cerchi. Al Maracanazinho sono previste scintille in quello che è il vero big match di martedì 9 agosto. Gli States sono già spalle al muro perché al debutto hanno clamorosamente perso contro il Canada: un sonoro 3-0 che ha a sorpresa manifestato alcuni limiti per il gruppo guidato da coach Speraw. La formazione a stelle e strisce, vincitrice dell’ultima Coppa del Mondo, ha bisogno immediatamente di un successo per non rischiare di complicarsi il percorso verso i quarti di finale.

 

Proprio questa smania di riscatto è l’aspetto che più incute timore ai ragazzi di coach Blengini: servirà prestare parecchia attenzione e giocare in maniera continua, senza prestare il fianco all’iniziativa dei nostri avversari. Domenica pomeriggio abbiamo visto una nuova Italia, completamente differente rispetto a quella della World League, volitiva, sempre sul pezzo, aggressiva, sempre concentrata e tecnicamente perfetta. Quegli stessi ingredienti dovranno essere messi nel piatto e utilizzati per cucinare a puntino anche i Campioni Olimpici di Pechino 2008.

A Londra 2012 battemmo proprio gli USA nei quarti di finale, sovvertendo il pronostico della vigilia e lanciandosi così verso la zona medaglie, mettendoci poi al collo la medaglia di bronza. Le due squadre in quattro anni sono totalmente mutate. L’ultimo precedente sorride comunque all’Italia che ha superato Anderson e compagni nel girone della Final Six di World League, conclusa poi al quarto posto.

 

Gli azzurri sembrano motivati, sono carichi, certi dei loro mezzi. La bella Nazionale vista due giorni fa deve ripetersi. Blengini dovrebbe riproporre lo stesso modulo: Ivan Zaytsev opposto, Simone Giannelli in cabina di regia, Emanuele Birarelli e Matteo Piano al centro, Osmany Juantorena e Filippo Lanza al centro, Massimo Colaci il libero.

Dall’altra parte della rete Anderson, Russell, Sander: un trio offensivo da urlo che può metterci in difficoltà insieme ai muri di Holt e al servizio di tutta la squadra.

 

stefano.villa@oasport.it

Lascia un commento

Top