Volley maschile, Olimpiadi Rio 2016 – Italia, la madre di tutte le partite: sfida al Brasile nel tempio Maracanazinho

Italia-volley-squadra-Rio-2016.jpg

È arrivato il momento del big match più atteso, quello più caldo, quello più emozionante, quello più coinvolgente. Questa notte (ore 03.35 italiane) il Maracanazinho ospiterà la super sfida tra Italia e Brasile valida per la quarta giornata del torneo di volley maschile alle Olimpiadi di Rio 2016. Proprio in questo palazzetto la Generazione dei Fenomeni conquistò nel 1990 il primo dei sue tre titoli mondiali consecutivi.

Partita importante per entrambe le squadre ai fini del piazzamento finale nella Pool A e dunque anche per l’accoppiamento dei quarti di finale. La nostra Nazionale è reduce da tre vittorie schiaccianti: asfaltata la Francia all’esordio (3-0), schiacciati gli USA (3-1) e infine l’agevole passeggiata sul Messico (3-0). Gli azzurri vanno a caccia del poker che ci permetterebbe di ipotecare il primo posto nel girone alla vigilia dell’ultima giornata quando ci aspetterà un Canada tutt’altro che imbattibile. I verdeoro, invece, scenderanno in campo dopo la scoppola maturata contro gli States che li costringe a risalire prontamente la china per non doversi giocare tutto nell’ultimo match che li vedrà contrapposti alla Francia. Nelle prime due partite non avevano neppure brillato più di tanto, concedendo un set al Messico prima di superare il Canada.

 

L’Italia ha emozionato nel corso della settimana: un gioco fluido, concreto, continuo, senza mai un momento di esitazione. I ragazzi di Blengini sono stati più tonici che mai, pimpanti al punto giusto, aggressivi in tutti i fondamentali sfoderando un gran gioco offensivo e un’ottima intesa tra palleggiatore e centrali, sfruttando al meglio un meccanismo di difesa che non si è mai inceppato.

Di fronte, però, avremo la nostra bestia nera. Negli ultimi sette precedenti tra Olimpiadi e Mondiali non li abbiamo mai battuti! Soffriamo gli uomini di Bernardinho sotto il profilo psicologico, fatichiamo molto a contrastarli e questa notte avremo contro l’assordante tifo del tempio del volley. L’ora di sfatare il tabù è arrivata perché vincere il girone è davvero troppo importante in vista del prosieguo del torneo.

I verdeoro sono abili nel gioco d’attacco e a muro, fanno della rapidità e dell’alta efficienza il loro punto di forza ma soprattutto riescono a metterti sotto in ogni circostanza. Stanno però sentendo la pressione dell’obbligo di vincere e questo potrebbe essere un vantaggio per noi.

 

Emanuele Birarelli sta recuperando dalla lieve distorsione occorsagli durante la sfida agli USA. Il capitano non dovrebbe essere rischiato questa sera in modo da tornare utile nella fase più calda delle Olimpiadi 2016. Al centro giocheranno così Simone Buti e Matteo Piano. Per il resto confermata la formazione che fin qui ha convinto tutti: Simone Giannelli in cabina di regia, Ivan Zaytsev opposto, Osmany Juantorena e Filippo Lanza di banda, Massimo Colaci il libero.

Dall’altra parte della rete attenzione al solito bombardiere Wallace, ai palleggi di Bruninho e ai muri di Lucas, tre uomini che conosciamo molto bene e che potrebbe fare la differenza. L’ultimo precedente si è giocato poco più di un mese fa in occasione della Final Six di World League: un sonoro 3-0 in favore dei sudamericani.

 

stefano.villa@oasport.it

Lascia un commento

Top