Tuffi, Olimpiadi Rio 2016: Verzotto ultimo italiano in gara. Oggi l’eliminatoria da 10 metri

Maicol-Verzotto-Tania-Cagnotto-bronzo-sincro-misto-3-metri-kazan-2015-tuffi-foto-facebook-fina-dpm.jpg

Al fianco delle due medaglie della prima settimana – l’argento nel sincro di Tania Cagnotto e Francesca Dallapè e il bronzo individuale della fuoriclasse bolzanina -, dell’ottimo sesto posto con tanto di qualificazione alle World Series di Andrea Chiarabini e Giovanni Tocci e dei (leciti) rimpianti di Michele Benedetti per il 13° posto nella semifinale da 3 metri a 2.10 punti dal britannico Jack Laugher poi secondo in finale, l’Italia dei tuffi ha vissuto a Rio 2016 anche le premature eliminazioni di Chiarabini, Maria Marconi e Noemi Batki. L’ultimo azzurro in gara in Brasile sarà ora Maicol Verzotto, impegnato questa sera alle 21 nel primo turno della piattaforma maschile, l’evento più atteso.

Come al solito, 28 i partenti e 18 i piazzamenti utili per tornare da 10 metri domani pomeriggio per la semifinale. In Coppa del Mondo, a febbraio, l’altoatesino si è classificato 19° sbagliando solo il triplo e mezzo indietro raggruppato nell’ultima rotazione. Verzotto ha dovuto attendere molti mesi per ottenere la certezza del suo primo pass olimpico, perché solo tra fine maggio e inizio giugno i vari Paesi hanno comunicato alla Fina e al Cio le iscrizioni ufficiali dei propri atleti e i posti lasciati liberi da eventuali doppie partecipazioni (che valgono per una sola) sono stati riassegnati in extremis tra i primi degli esclusi. Tuttavia ha continuato al meglio gli allenamenti e non s’è fatto trovare impreparato. Entrare in semifinale, però, rimane comunque difficile.

Il 28enne azzurro ha partecipato a tre Mondiali in carriera nell’individuale da 10 metri: a Shanghai 2011 ha chiuso 28°, a Barcellona 2013 22° e a Kazan 2015 33°. Il 19° posto dell’ultima Coppa del Mondo, dunque, rappresenta il suo miglior risultato a questi livelli. Ciò che renderebbe felice Maicol Verzotto una volta rientrato a Bolzano sarebbe superare per la prima volta l’ostacolo primo turno. Per valore degli avversari e coefficienti di difficoltà è dura, ma Rio 2016 ha dimostrato che tutto è possibile e che nelle lunghe eliminatorie non è affatto raro veder sbagliare qualche big. L’azzurro potrebbe approfittarne.

In ottica finale (domani alle 21.30) la gara regina non è solo affare dei cinesi. Se il tre volte campione del mondo Qiu Bo (2011, 2013 e 2015, argento invece a Londra 2012) parte sicuramente con i favori del pronostico, più vulnerabile pare invece Chen Aisen. E soprattutto lo statunitense David Boudia (che difende il titolo) e il britannico Thomas Daley, sul podio con Qiu Bo anche l’anno scorso a Kazan, sono arrivati in Brasile in una condizione mostruosa.

 

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

Clicca qui e metti mi piace per restare sempre aggiornato sul mondo dei tuffi azzurri

francesco.caligaris@oasport.it

Twitter: @FCaligaris

Foto da: pagina Facebook Fina/DeepBlueMedia (Verzotto è bronzo mondiale in carica nel sincro misto 3 metri con Tania Cagnotto)

Lascia un commento

Top