Tuffi, Olimpiadi Rio 2016 – Tocci e Chiarabini: “Risultato eccellente. World Series gran traguardo”

Chiarabini.Barsukova.all_.Tocci_.Tocci_..tuffi_..foto_.lyubov.barsukova.fb_-1.jpg

Sesti all’esordio in coppia alle Olimpiadi, davanti ai russi argento in carica e secondi anche agli ultimi Mondiali ed Europei, e qualificazione per le World Series 2017. Andrea Chiarabini e Giovanni Tocci hanno tenuto alto l’onore dell’Italia nel sincro 3 metri di ieri sera a Rio 2016 e la loro giovane carriera si può considerare appena partita. Miglioreranno ancora, eccome se lo faranno.

Siamo contenti – ha detto il romano al sito federale -. Il sesto posto era l’obiettivo alla nostra portata e la qualificazione alle World Series è un grosso traguardo. Abbiamo dato il massimo, nonostante qualche errorino nel quarto salto“. “Già essere qua è un grosso traguardo – gli ha fatto eco il cosentino argento da 1 metro agli Europei di Londra – e il risultato è eccellente. Certo abbiamo provato a sognare, ma oggettivamente era abbastanza difficile. L’atmosfera olimpica è magica: fosse per me ne farei una ogni anno. Il podio, piuttosto atipico, dimostra come i tuffi siano in una fase di evoluzione, anche geografica: speriamo, quindi, di crescere, migliorare e guadagnare maggiore spazio nelle prossime occasioni“.

Tocci, dopo aver rivolto un pensiero anche a Tania Cagnotto e Francesca Dallapè argento per la prima volta in carriera nella gara femminile (“Loro sono riuscite a dare lustro e visibilità al nostro sport, a portarlo a livelli di eccellenza con le medaglie conquistate agli Europei, i Mondiali e alle Olimpiadi: per tutti noi il loro apporto è stato fondamentale“), ha aggiunto sul proprio profilo Facebook:

“É stata un’esperienza magnifica poter prendere parte ai miei primi Giochi Olimpici e condividere un risultato importante con Andrea Chiarabini.  Abbiamo sognato in grande. Ma chi non l’ha fatto! Esserci é stato già un grandissimo traguardo ma tanto valeva provare a raggiungere un risultato memorabile, d’altronde non accade tutti i giorni e nemmeno tutti gli anni (ahinoi) di poter partecipare alle Olimpiadi. Ci siamo impegnati al massimo. Materialmente non abbiamo nessuna medaglia ma abbiamo vinto contro noi stessi, contro le nostre paure, le nostre emozioni ed é questo ciò che lo sport realmente insegna. Ringrazio tutti gli amici che ci hanno seguito e si sono emozionati per noi. Ringrazio la mia famiglia per essere venuta qui a supportarci, tutti i miei cari che hanno tifato da casa, la mia allenatrice Lyubov Barsukova insieme alla società Tubisider Cosenza e al gruppo sportivo Esercito, Oscar, Giorgio e tutti i componenti di questa fantastica squadra compresi coloro che stanno “dietro le quinte” come la psicologa, i preparatori atletici, i fisioterapisti ecc. É anche grazie a tutti quanti voi che sono riuscito a realizzare il mio sogno. Mi godró questa atmosfera e farò il tifo per chi ancora dovrà gareggiare dopodiché continuerò ad allenarmi in vista di nuovi obiettivi”.

 

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

Clicca qui e metti mi piace per restare sempre aggiornato sul mondo dei tuffi azzurri

francesco.caligaris@oasport.it

Twitter: @FCaligaris

Foto da: Facebook Lyubov Barsukova

Lascia un commento

Top