Tuffi, Olimpiadi Rio 2016: Cina, e sono 3! Argento Malesia, bronzo Canada in rimonta

Bandiera-Cina.jpg

Il terzo oro consecutivo della Cina nei tuffi a Rio 2016 è pura formalità: le favoritissime Chen Ruolin e Liu Huixia si impongono nel sincro femminile da 10 metri con 354 punti grazie a due obbligatori da 55.80 l’uno e un avvitamento indietro conclusivo da 87.36. Per la prima è il quinto titolo olimpico della carriera, il terzo consecutivo in questa specialità, mentre la seconda non aveva mai conquistato la medaglia.

Alle loro spalle, come da pronostico, Malesia e Canada. Eppure se la corsa delle asiatiche (Jun Hoong Cheong e Pandelela Rinong Pamg, bronzo a Londra 2012 nell’individuale e in gran forma per il bis) è netta con 344.34 punti e senza mai scendere dal podio virtuale – alla fine è argento – il percorso delle canadesi Meaghan Benfeito e Roseline Filion si fa ben più tortuoso, perché la Corea del Nord terza agli ultimi Mondiali non sembra risentire del cambio di coppia (da Kim Un Hyang-Song Nam Hyang a Kim Un Hyang-Mi Rae Kim).

Nella terza rotazione, infatti, il triplo e mezzo avanti carpiato sembra fare la differenza: 81 punti a 74.40. Ma proprio quando il podio sembra prendere interamente la via per l’Asia (nordamericane addirittura quinte a un tuffo dalla fine), ecco che arrivano l’errore nordcoreano nell’avvitamento e, allo stesso tempo, un’ottima prestazione di Benfeito-Filion che con un parziale di 80.64 (336.18 totale) bissano il bronzo di quattro anni fa.

La Corea del Nord chiude quarta con 322.44 punti, quinte le britanniche Tonia Couch-Lois Toulson in lotta per le medaglie fino all’ultimo tuffo della gara. Ma anche loro sono imprecise e l’occasione sfuma.

 

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

Clicca qui e metti mi piace per restare sempre aggiornato sul mondo dei tuffi azzurri

francesco.caligaris@oasport.it

Twitter: @FCaligaris

Lascia un commento

Top