L’argento di una vita

Cagnotto-Dallapè-2.jpg

Finalmente. Finalmente l’Italtuffi torna sul podio olimpico a 36 anni di distanza dall’epopea Dibiasi-Cagnotto. Finalmente la medaglia più ambita è di Tania, figlia di Franco detto Giorgio che a Mosca 1980 si prese la sua quarta prima di decidere di dar vita alla fuoriclasse più grande della storia recente di questo sport. Perché va detto: ora che la Cina trionfa a destra e a manca, un argento vale come un oro. Non è retorica: qui è davvero così e lo sanno tutti.

Cinque tuffi, due obbligatori e tre liberi, meno di un’ora di gara. Puff. Seconde. È stato facile, no? Che strano: cinque Olimpiadi per inseguire il sogno di una vita e poi ecco che è più semplice del previsto. Perché la tranquillità e la consapevolezza nei propri mezzi fanno miracoli. Perché la serenità che dopo i pianti di Londra 2012 ha permesso a Tania Cagnotto di vivere il quadriennio più redditizio e vincente della sua infinita carriera è un segreto tanto facile da mostrare quanto complicato da scoprire. Gioiamo: ce l’ha fatta. E ora lo usa con saggezza.

Per l’Italia intera questa era una medaglia sentita. Da vincere quasi a tutti i costi, anche perché l’occasione stavolta era davvero propizia. Le Olimpiadi di Rio 2016, iniziate ieri tra delusioni e sorprese e continuate oggi con una magica serata di festa, esaudiscono già uno dei loro primi “obblighi”: vedere il sorriso di Tania Cagnotto e Francesca Dallapè sul podio del sincro. Sono ancora lacrime, ma questa volta liberatorie. E per la bolzanina tra una settimana esatta ci sarà la possibilità del bis nella gara individuale, in cui il compito sembra più tosto ma con questo stato di forma atletica e mentale alla portata. Ora si è sbloccata definitivamente – è ancor più leggenda – e con la celebre serenità salterà sicuramente al top. La aspettiamo nuovamente.

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

Clicca qui e metti mi piace per restare sempre aggiornato sul mondo dei tuffi azzurri

francesco.caligaris@oasport.it

Twitter: @FCaligaris

Foto da: Rostock 2013

Lascia un commento

Top