Triathlon maschile, Olimpiadi Rio 2016: Spagna e Murray contro la dinastia Brownlee. Italia lontana

Brownlee-e1467032849385.jpg

La gara maschile del triathlon a Rio 2016 sarà molto probabilmente impostata dai fratelli Brownlee (Gran Bretagna), o al massimo da atleti con le loro stesse caratteristiche tecniche: ritmi elevatissimi a partire dal nuoto. Lo scopo sarà quello di acquisire un vantaggio considerevole sui podisti più forti come lo spagnolo Mario Mola ed il sudafricano Richard Murray.

Se il tentativo dovesse riuscire, difficilmente qualcuno riuscirà a battere il Campione Olimpico di Londra 2012, Alistair Brownlee, ma se i vari gruppi si dovessero ricompattare, potrebbe venir fuori una gara un po’ più incerta. Gli iberici Mola, Alarza ed Hernández dovranno “allearsi”, poiché nelle frazioni di ciclismo e di corsa potrebbero mettere in difficoltà Alistair e Jonny Brownlee i quali, da par loro, hanno dimostrato nelle poche occasioni importanti in cui hanno nuotato-pedalato-corso insieme quest’anno di saper traslare al meglio, in gara, il feeling familiare…

Al di fuori dei confini anglo-spagnoli, e della rispettabile candidatura di Murray, troviamo pochi nomi spendibili per il bramato trittico oro-argento-bronzo. Andiamo per coppie di nazionalità: i francesi Dorian Coninx-Pierre Le Corre, gli australiani Aaron Royle-Ryan Bailiei fratelli russi Dmitry e Igor Polyanskiy, sono sicuramente i più quotati inseguitori.

Nessuna ambizione “metallica” per i nostri due portacolori, purtroppo; qualche piccolo inconveniente della vigilia non dovrebbe influire sul risultato finale degli azzurri. Alessandro Fabian, che aspira a migliorare il decimo posto di Londra 2012, contribuirà ad impostare una gara d’attacco forte della sua frazione ciclistica. Davide Uccellari invece, potrà contare sulle sue capacità prestative nella corsa per provare a recuperare posizioni importanti.

Il percorso, infine. Il nuoto si svilupperà su un unico giro di 1500 metri, con partenza dalla spiaggia. Molto dipenderà dalle condizioni dell’oceano, dall’intensità delle correnti e dal moto ondoso. Nel ciclismo sono previsti 8 giri di 5 km caratterizzati da un’altimetria importante, che contribuirà a rendere dura la gara, con salite ripide, discese tecniche e curve a gomito. La corsa si svilupperà su un percorso pianeggiante di 2,5 km da ripetere 4 volte.

giuseppe.urbano@oasport.it

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

Foto: profilo Facebook Brownlee

Lascia un commento

Top