Tiro a volo, Olimpiadi Rio 2016: Giovanni Pellielo e quell’oro che manca, in Brasile il settimo capitolo

Albano-Pera-e-Giovanni-Pellielo-tiro-a-volo-foto-Pera-fb-800x600-800x600.jpg

Terminata la carriera di ballerino insieme a sua cugina Donatella Bertolone, Giovanni Pellielo incominciò a sparare grazie a sua madre Santina, cacciatrice sin dal 1956 che per il suo 18esimo compleanno gli regalò un fucile. Con quell’attrezzo pagato con dieci cambiali è iniziata la carriera leggendaria del tiratore di Vercelli. Il trionfo nel 1988 alla prima gara “La Rana d’oro”, il titolo italiano, europeo e mondiale junior lo portarono in pochi anni sulle pedane olimpiche di Barcellona 1992. Una scalata inesorabile, colma di successi e medaglie che gli hanno permesso di diventare il tiratore più vincente di tutti i tempi con quattro titoli mondiali, tre argenti e due bronzi.

AVVICINAMENTO STENTATO Dopo un 2015 in cui si è laureato campione d’Europa e vice campione del mondo l’atleta delle Fiamme Azzurre ha faticato parecchio negli ultimi mesi. Tra Coppa del mondo ed Europei di Lonato  Johnny ha infatti mancato ben 34 piattelli dei 375 totali. Percentuali mai viste che hanno portato in dote i due peggiori piazzamenti in World Cup con il 50° di Rio e il 28° di Baku. Nelle competizioni del Vecchio Continente l’azzurro aveva invece fatto peggio soltanto nel 2013 a Suhl, quando terminò 38°.

FIDUCIA IN JOHNNY Il plurimedagliato olimpico ha sempre dichiarato tuttavia di sentirsi meno preoccupato rispetto a Londra 2012. Allora si fermò a un piattello dalla qualificazione, mancando il podio dopo il bronzo di Sydney 2000 e gli argenti di Atene 2004 e Pechino 2008. L’oro, qualora arrivasse a Rio, sarebbe una grande soddisfazione ma non un obiettivo da centrare a tutti i costi. Con quasi 30 anni di successi alle spalle e la volontà di continuare a sparare almeno sino a Tokyo 2020, le Olimpiadi carioca saranno un altro capitolo, il settimo, di questa incredibile storia dello sport italiano.

L’albo d’oro olimpico

Anno Oro Argento Bronzo
2012 CRO Giovanni Cernogoraz ITA Massimo Fabbrizi KUW Fehaid Al-Deehani
2008 CZE David Kostelecký ITA Giovanni Pellielo RUS Aleksey Alipov
2004 RUS Aleksey Alipov ITA Giovanni Pellielo AUS Adam Vella
2000 AUS Michael Diamond GBR Ian Peel ITA Giovanni Pellielo
1996 AUS Michael Diamond USA Josh Lakatos USA Lance Bade
1992 TCH Petr Hrdlička JPN Kazumi Watanabe ITA Marco Venturini
1988 URS Dmytro Monakov TCH Miloslav Bednařík BEL Frans Peeters
1984 ITA Luciano Giovannetti PER Francisco Boza USA Dan Carlisle
1980 ITA Luciano Giovannetti URS Rustam Yambulatov GDR Jörg Damme
1976 USA Don Haldeman POR Armando Marques ITA Ubaldesco Baldi
1972 ITA Angelo Scalzone FRA Michel Carrega ITA Silvano Basagni
1968 GBR Bob Braithwaite USA Tom Garrigus GDR Kurt Czekalla
1964 ITA Ennio Mattarelli URS Pāvels Seničevs USA Bill Morris
1960 ROU Ion Dumitrescu ITA Galliano Rossini URS Sergey Kalinin
1956 ITA Galliano Rossini POL Adam Smelczyński ITA Alessandro Ciceri
1952 CAN George Genereux SWE Knut Holmqvist SWE Hans Liljedahl
1924 HUN Gyula Halasy FIN Konni Huber USA Frank Hughes
1920 USA Mark Arie USA Frank Troeh USA Frank Wright
1912 USA Jay Graham GER Alfred Goeldel-Bronikoven RUS Harry Blaus
1908 CAN Walter Ewing CAN George Beattie GBR Alexander Maunder
GRE Anastasios Metaxas
1900 FRA Roger de Barbarin BEL René Guyot FRA Justinien, Count Clary

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

francesco.drago@oasport.it

 

Lascia un commento

Top