Tiro a volo, Olimpiadi Rio 2016, Gabriele Rossetti: “Questo sport è la mia vita”

13895252_10154329672708605_1905308719054044123_n.jpg

Le parole a caldo del campione olimpico di skeet Gabriele Rossetti. 

“Non ho parole per descrivere questo risultato. Il tiro a volo è la mia vita. Ho avuto la fortuna di poter crescere con l’esempio di due grandi campioni come mio padre, con cui mi alleno tutti i giorni, e come Andrea Benelli. Poi il sostegno della Federazione e della Polizia di Stato, che non mi hanno mai fatto mancare nulla. Ancora non mi rendo conto di quello che è successo. Probabilmente ci riuscirò solo stasera quando tornerò in camera e resterò da solo con la medaglia”. Un pensiero anche agli amici francesi Anthony Terras ed Eric Delaunay, entrambi allenati dal padre Bruno ed eliminati da Gabriele allo shoot-off. “Non ho sparato contro di loro, ma per me. Mi è dispiaciuto per loro. Anthony è stato uno dei miei punti di riferimento e quando ha sbagliato sono stato male. Però il mio obiettivo era la finale e non ho perso la concentrazione”.

Andrea Benelli

“Tre medaglie sono tanta roba. Tre tiratori su quattro in semifinale e tutti e tre tornano a casa con una medaglia. Siamo davvero una squadra fortissima e sono fiero di guidarla. Dopo otto olimpiadi (sei come tiratore e due come tecnico, ndr) le emozioni che questo sport mi ha regalato sono davvero enormi”.

LA GARA 

IL PONTIGIANO D’ORO

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

francesco.drago@oasport.it

Lascia un commento

Top