Tiro a segno, Olimpiadi Rio 2016: carabina 3posizioni uomini. Favoriti e outsider

Emmons_Tiro-a-segno_ISSF_Voice-2-Media.jpg

La gara più attesa del tiro a segno è pronta ad andare in scena nell’ultimo giorno del programma olimpico allo Shooting Centre di Rio de Janeiro: quella di carabina 3posizioni maschile da distanza 50m.

Il format più completo e snervante in assoluto per i tiratori, vista la quantità di colpi da sparare e lo standard altissimo da mantenere.

Serie di qualifica da 120 tiri, suddivisa in 40 colpi in ginocchio, 40 a terra e 40 in piedi, poi la finale dove si riparte da zero: 15 colpi in ginocchio, 15 colpi a terra, 10 colpi in piedi e poi gli ultimi 5 colpi che assegnano le medaglie.

Andiamo quindi a vedere quali, almeno sulla carta, dovrebbero essere i favoriti del contest e quali invece sono gli shooter che potrebbero rappresentare degli elementi di sorpresa.

FAVORITI: davanti a tutti parte il totem statunitense Matthew Emmons, che tra l’altro è al debutto in questa Olimpiade e si gioca tutte le sue chance nel concorso odierno. Ma è impossibile non citare la coppia cinese Zicheng Hui e Qinan Zhu. L’ottimo stato di forma attuale, poi, mette anche il nostro Niccolò Campriani nel primo gruppo degli aspiranti al gradino più alto del podio.

OUTSIDER: più che sorprese saranno certamente co-protagonisti il croato Peter Gorsa, il magiaro Peter Sidi, l’indiano Gagan Narang e il russo Sergeyi Kamenskiy. Occhio infine alla coppia serba Pletikosic-Sebic: portacolori di un movimento arrivato a Rio con altissime aspettative e per ora ancora a mani vuote.

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

michele.cassano@oasport.it

Foto: ISSF / Voice 2 Media

Lascia un commento

Top