Tennis, Olimpiadi Rio 2016: bis d’oro per Andy Murray. Del Potro crolla dopo una battaglia di 4 ore

andy-murray-profilo-twitter-Wimbledon.jpg

Andy Murray è ancora medaglia d’oro. Dopo il trionfo di Londra 2012, il britannico vince anche il torneo di singolare maschile alle Olimpiadi di Rio 2016. Una finale epica contro Juan Martin Del Potro, che deve accontentarsi dell’argento dopo una battaglia di quattro ore di gioco, chiuse con il punteggio di 7-5 4-6 6-2 7-5 in favore del numero due del mondo

Qui di seguito il riepilogo della partita:

1° SET- Tre break in quattro game, che permettono a Murray di allungare sul 3-1 e poi sul 4-1. Del Potro non molla e riesce a strappare il servizio nel settimo gioco al britannico e raggiungere la parità. Quando tutto sembra portare al tiebreak, ecco che Murray si procura due palle break nel dodicesimo game e la seconda è quella decisiva per vincere il primo set 7-5.

2° SET- Questa volta è decisivo un solo break ed è ottenuto proprio in apertura da Del Potro. L’argentino riesce poi a difendere tre palle immediate del controbreak e nel decimo game chiude 6-4.

3° SET- C’è grande equilibrio fino al settimo game, quando Murray riesce a strappare il servizio all’avversario. Del Potro accusa il colpo e comincia a sentire la fatica. Il numero due del mondo ne approfitta subito e ottiene un secondo break, vincendo il set per 6-2.

4° SET- Succede veramente di tutto nei primi quattro game, perchè Del Potro sembra sul punto di cedere in ogni momento ed invece è lui a portarsi per due volte avanti togliendo il servizio a Murray. Il britannico però reagisce sempre ed ottiene due immediati controbreak. 2-2 poi 3-3 e alla fine ancora break di Del Potro. L’argentino sale 5-3, ma questo Murray non molla niente ed in maniera eroica vince i successivi quattro game, il set per 7-5, la partita e soprattutto ancora la medaglia d’oro.

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

Foto da pagina Twitter Wimbledon

Lascia un commento

Top