Rugby, Pro12: il mercato di Zebre e Benetton Treviso

12494046_1269003199793401_84751907_o.jpg

Poco meno di una settimana al via del prossimo Pro12 e le franchigie italiane continuano a muoversi andando sempre più a definire la loro rosa in vista dell’inizio ufficiale del Campionato Celtico fissato per il 2 settembre.

Andiamo quindi a vedere quali sono state le principali mosse di mercato di Zebre e Benetton Treviso per affrontare la stagione.

ZEBRE: la conferma della guida tecnica con Gianluca Guidi ha già messo alcuni paletti alla composizione della rosa bianconera. Gli arrivi di spicco sono certamente quello del seconda linea azzurro Joshua Furno, dell’esperto tallonatore Carlo Festuccia e dell’ala Giambattista Venditti, tutti cavalli di ritorno dall’esperienza inglese in Premiership, ma guai a dimenticare i giovani prodotti del rugby italico come Maxime Mbandà, Tommaso Castello, Gabriele Di Giulio e dall’Eccellenza pure Mattia Bellini.
Fra gli stranieri poi, un’infornata di arrivi dall’Emisfero Sud: i sudafricani B. Le Roux (prima linea), Llyod Greeff (utility back), Derick Minnie (terza linea) e Carlo Engelbrecht (mediano di mischia), a cui aggiungere il neozelandese Kurt Baker (estremo) che è uno dei punti cardine della nazionale seven degli All Blacks.

BENETTON: la svolta più importante di tutte è quella dell’atteso cambio di head coach al timone della franchigia veneta. L’arrivo del neozelandese Kieran Crowley ha infatti già migliorato un sacco di cose fra i Leoni. Fra tutte le scelte effettuate dalla squadra di Amerino Zatta spicca certamente quella per accaparrarsi l’apertura azzurra Tommaso Allan, senza dimenticare il rientro alla base di Tommaso Benvenuti fra i centri, l’acquisizione in prima linea di Tiziano Pasquali da Leicester e il ritorno in Italia del mediano di mischia Tito Tebaldi.
Il comparto straniero invece vede la Benetton essere firmataria di due colpacci, come il trequarti neozelandese Martin Banks dagli Highlanders ed il fijiano Michael Tagicakibau dagli Scarlets.

michele.cassano@oasport.it

Foto: Romeo Deganello

Lascia un commento

Top