Pallanuoto, Olimpiadi Rio 2016: Italia-Grecia, il Settebello a caccia della semifinale

Rio2016-Waterpolo-0812-STAST5_2726.jpg

Dentro o fuori. Dopo una prima settimana dedicata ai gironi preliminari, con il Settebello che ha convinto a tratti vincendo tre partite su cinque, il torneo di pallanuoto maschile è giunto ai quarti di finale. La squadra guidata da Sandro Campagna sfiderà stasera alle 21.30 la Grecia, giunta seconda nel raggruppamento A. Le due compagini partono praticamente alla pari: sarà molto probabilmente un incontro che si deciderà nell’ultimo quarto, con una o due reti a dividere le nazionali. L’obiettivo medaglie, cercato da quattro anni dal Settebello, è vicinissimo: non si può assolutamente sbagliare, da domani o la va o la spacca.

Avversario di tutto rispetto quello ellenico. Nonostante manchi un risultato di rilievo tra Olimpiadi ed Europei, i greci sono in netta ascesa nelle ultime stagioni dove hanno trovato un podio mondiale a Kazan ed un bellissimo terzo posto nelle ultime finali di World League. Una vera e propria squadra quella ellenica, visto che i tre quarti della rosa militano tutti nello stesso club, l’Olympiacos. Dunque i meccanismi di intesa sono affinatissimi. Le stelle sono Ioannis Fountoulis, Christos Afroudakis ed una conoscenza italiana, Angelos Vlachopoulos, che quest’anno ha giocato in Campania con la calottina del Posillipo. I precedenti recenti parlano tutti in favore della Grecia: quattro vittorie nelle ultime quattro sfide tra World League e Mondiali, con la più sentita che è quella ai rigori nella finalina per il bronzo a Kazan.

Dovrà assolutamente crescere il Settebello, calato nelle ultime due uscite con USA e Croazia dopo una partenza eccellente. Bisognerà migliorare in ogni campo: dalla difesa, passando per le controfughe, fino all’attacco, soprattutto con l’uomo in più. Si attendono al top i giocatori di caratura mondiale di cui può disporre il Settebello: Pietro Figlioli, Francesco Di Fulvio e capitan Tempesti, pronto a guidare la squadra solo non tecnicamente ma anche psicologicamente. Alla prova del nove anche il ct Sandro Campagna: dopo le delusioni delle ultime stagioni è fondamentale giungere in semifinale, ancor meglio se battendo la squadra allenata per 5 anni (dal 2003 al 2008).

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo

Clicca qui per seguirci su Twitter
Clicca qui per mettere “Mi piace” a Pallanuoto Italia

gianluca.bruno@oasport.it

Lascia un commento

Top