Pallanuoto, Olimpiadi Rio 2016. Campagna: “La Serbia ha meritato, ma gli arbitri…”

Settebello-2-Renzo-Brico.jpg

Parole amare quelle di Sandro Campagna al termine dell’incontro di semifinale olimpica giocato e perso dal suo Settebello contro la Serbia per 10-8.

Queste le sue dichiarazioni sul sito FIN: “Peccato, abbiamo perso una grande opportunità per compiere un salto di qualità sotto tutti i punti di vista. Per la prima volta non abbiamo interpretato la partita come avevamo previsto. La Serbia non ha mollato un centimetro e ha giocato fino alla fine; è quello che dovevamo fare anche noi fin dall’inizio. Non è stata la Serbia che ci aveva schiacciato ai mondiali di Kazan, un po’ ci abbiamo messo del nostro e due decisioni arbitrali hanno contribuito a chiudere il primo tempo sotto di tre. Mi riferisco al gol di Nikic dal centro dopo una chiara spinta e alla seconda superiorità numerica poi trasformata da Pijetlovic. Non è certamente una giustificazione, ma se avessimo chiuso il primo tempo sotto 1-0 forse sarebbe stata un’altra partita. Rivolgo i complimenti alla Serbia, perchè merita la finale olimpica per quello che ha mostrato negli ultimi tre anni, però sono certo che con meno paura e tensione potevamo metterla in difficoltà. Sul 6-0 dovevo dare una scossa alla squadra, mandare un messaggio di reazione e tentare tutte le carte possibili. Stefano Tempesti non aveva giocato male. Marco Del Lungo è stato bravo a farsi trovare pronto. Adesso concentriamoci sulla finale per il bronzo, che è molto importante. Anche con il Montenegro ci sarà da soffrire e spero che i ragazzi traggano insegnamento da questa lezione e che sul piano fisico e nervoso riescano a cominciare meglio”.

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo

Clicca qui per seguirci su Twitter
Clicca qui per mettere “Mi piace” a Pallanuoto Italia

gianluca.bruno@oasport.it

Foto: Renzo Brico

Lascia un commento

Top