Pallanuoto femminile, Olimpiadi Rio 2016: Setterosa, la medaglia è possibile

Garibotti-Pallanuoto-Daniela-Bolla.jpg

Dal 9 al 19 agosto si disputerà il torneo di pallanuoto femminile alle Olimpiadi di Rio 2016: la nazionale italiana si presenterà in Brasile con importanti ambizioni da podio in un gruppo di squadre che partiranno subito alle spalle degli Stati Uniti in una metaforica griglia di partenza.

Il Setterosa ha trovato la qualificazione al Preolimpico di Gouda dopo aver fallito l’accesso a Rio negli Europei di gennaio. La squadra, guidata dal CT Fabio Conti, ha così colto il primo obiettivo del quadriennio, qualificandosi ai Giochi: ora è il momento di trasformare il sogno della medaglia in realtà per coronare un lungo percorso durato quattro anni.

La squadra è senz’ombra di dubbio forte e solida: in difesa può vantare un portiere come Giulia Gorlero, sempre solida e spesso decisiva in ottica risultato finale. Anche le giocatrici di movimento negli ultimi appuntamenti hanno sempre concesso pochissime occasioni alle avversarie, dimostrando una solidità che sui 10 giorni di competizione a Rio può realmente fare la differenza. In attacco, le azzurre si affideranno ai talenti di Giulia Emmolo, Arianna Garibotti, Tania Di Mario e Roberta Bianconi per fare 4 esempi, ma le frecce nella faretra nostrana sono numerose e diverse tra loro. Il Setterosa può colpire in maniera sempre diversa e questo potrebbe mettere seriamente in difficoltà le difese avversarie.

Con sole otto squadre presenti alle Olimpiadi il livello medio della competizione sarà altissimo. Gli Stati Uniti negli ultimi anni hanno dimostrato di avere maggiore profondità e solidità rispetto a tutte le altre compagini e sono i favoriti per la conquista dell’oro. Alle spalle delle nordamericane un gruppo di squadre che possono essere messe sullo stesso livello: Ungheria, Spagna e Australia che se la giocheranno proprio con l’Italia, quantomeno sulla carta, per i due posti rimanenti sul podio.

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

gianluca.santo@oasport.it

Twitter: Santo_Gianluca

Foto: Daniela Bolla

Lascia un commento

Top