Olimpiadi Rio 2016: record di medaglie per la Francia, tanti ori per la Germania

Judo-Teddy-Riner-1.jpg

Francia e Germania rappresentano due delle potenze storiche dello sport nel continente europeo, e tali si sono confermate anche in occasione dei Giochi Olimpici di Rio 2016: i teutonici hanno chiuso al quinto posto nel medagliere, mentre i Bleus hanno confermato la settima posizione di quattro anni fa.

La prestazione olimpica della delegazione francese resterà nella storia soprattutto per il numero totale di medaglie conquistate, ben quarantadue, cifra che supera di una unità i podi di Anversa 1920 e di Pechino 2008, diventando la miglior prestazione di sempre per la Francia alle spalle dell’inarrivabile Parigi 1900, quando i padroni di casa salirono sul podio in ben 101 occasioni. A mancare, almeno in parte, sono state le medaglie d’oro, “solo” dieci rispetto alle quattordici che sarebbero dovute essere nel caso di una distribuzione perfetta tra i tre metalli. Molte, in effetti, sono state le finali perse, mentre in alcuni casi il titolo è sfuggito ai francesi per un’inezia: considerate medaglie d’oro quasi certe alla viglia, la squadra maschile di pallamano, Florent Manaudou o ancora Renaud Lavillenie si sono dovuti accontentare della piazza d’onore. L’unico a non tradire mai resta il judoka Teddy Riner, oramai giunto a sei anni di imbattibilità nella massima categoria di peso.

La Germania aveva invece iniziato a rilento nell’edizione brasiliana dei Giochi, e nella prima settimana di gare non erano mancate le polemiche sulla stampa tedesca. Alla fine, però, il bilancio parla di sole due medaglie in meno rispetto alle 44 di Londra 2012, ma di ben sei ori in più. Diciassette titoli olimpici sono il più alto numero registrato da una delegazione teutonica sin dai venti di Atlanta 1996, ed in più la Germania ha ritrovato quel quinto posto nel medagliere che aveva ceduto nella precedente edizione. A parità di podi complessivi, dunque, i tedeschi si sono dimostrati più concreti dei francesi nel momento di finalizzare: 17 ori e 10 argenti a fronte di 10 ori e 18 argenti, una statistica che può essere figlia del caso ma anche di una maggior freddezza negli attimi decisivi.

Nel complesso, comunque, sia la Germania che la Francia si confermano Paesi dal grande movimento sportivo, che anche in situazioni non ideali riescono a portare a casa un bel bottino di medaglie. Importante è infatti l’essere presenti nel maggior numero di sport possibili: diciannove sono le discipline che hanno fornito almeno una medaglia ai tedeschi, quindici quelle dei francesi. Per avere un termine di paragone, l’Italia è andata a podio in soli dieci sport.

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo Facebook
Clicca qui per seguirci su Twitter

Immagine: IJF

giulio.chinappi@oasport.it

Tag

Lascia un commento

Top