Olimpiadi Rio 2016: presentata Casa Italia con Matteo Renzi. Il Cristo Redentore…tricolore!

Cristo-Redentore.jpg

Casa Italia è stata ufficialmente inaugurata a Rio de Janeiro dal Premier Matteo Renzi, accompagnato dal Presidente del Coni Giovanni Malagò e da Luca Cordero di Montezemolo, Presidente del Comitato Promotore di Roma 2024. Presenti anche diversi membri del CIO.

La Casa Italia più bella di sempre” – ha dichiarato con orgoglio Malagò – “Questa struttura rappresenta e incarna l’eccellenza del Made in Italy e siamo orgogliosi di inaugurarla insieme al presidente Renzi, che ci sostiene sempre. Casa Italia è la sintesi di sport, arte e cultura nel segno dell’innovazione. Pur nel rispetto delle regole del CIO e delle avversarie, Budapest, Los Angeles e Parigi, siamo qui a sottolineare la serietà della nostra candidatura per i Giochi Olimpici del 2024. Ora però pensiamo a Rio 2016: da sabato inizierà la rincorsa al 200° oro dell’Italia ai Giochi Olimpici Estivi. Sarebbe bello che ci riuscissimo davanti al premier, che rimarrà fino al 7. Quindi bisogna fare presto“.

Per l’occasione, il Cristo Redentore è stato illuminato con il verde bianco e rosso, i colori della bandiera italiana. “Non suoni blasfemo, ma ci piace pensare che questo Tricolore possiamo vederlo nei prossimi giorni sul pennone più alto di qualche premiazione. Questo gesto oggi ci rende felici ed entusiasti. Da qua su viene fantastico poter dire viva il Brasile, viva l’Italia e viva i Giochi Olimpici“, il pensiero di Renzi.

Il Presidente del Consiglio dei Ministri ha poi espresso una propria opinione sull’importanza dei Giochi: “Questa per noi è una notte speciale, perché possiamo condividere i valori dei Giochi della pace e del rispetto. Quando studiavamo ci dicevano che durante i Giochi le guerre si bloccavano. Ora non è più così, serve un momento di fratellanza. Non perdiamo la nostra identità, di cui è parte anche lo sport. Dobbiamo lavorare insieme per non perdere la nostra identità e mantenere i nostri valori, lo sport è uno dei principali. Oggi più che mai ho sentito l’orgoglio e la passione di essere italiano. Sono qui per sostenere i nostri atleti“.

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook

Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo

Clicca qui per seguirci su Twitter

Lascia un commento

Top