Olimpiadi Rio 2016: le speranze di medaglia dell’Italia e il borsino di sabato 20 agosto

Pallanuoto-Settebello-Tempesti-3-Renzo-Brico.jpg

Scopriamo le speranze di medaglia dell’Italia alle Olimpiadi di Rio 2016 e il borsino di sabato 20 agosto.

CANOA VELOCITA’ 

Ore 14.07, finale K1 200 metri uomini

Manfredi Rizza non parte tra i favoriti per una medaglia, tuttavia si tratta della classica mina vagante. Nel corso della stagione ha compiuto un pregevole salto di qualità, conquistando piazzamenti di rilievo in Coppa del Mondo (su tutti la vittoria a Duisburg ed il quarto posto a Racice). Sarà una delle gare più imprevedibili dei Giochi, poco più di 30 secondi da vivere in apnea, dove tutto potrà succedere. Fondamentale sarà un’ottima partenza in un contesto che non consente margini di recupero.

Manfredi Rizza (25%)

MOUNTAIN BIKE

Ore 17.30, prova femminile

Eva Lechner ha vissuto una delle peggiori stagioni della carriera, sempre lontana dalle posizioni che contano. Il percorso, però, le piace molto: proprio a Rio trionfò nella preolimpica dello scorso anno. Non ha nulla da perdere e, con un po’ di fortuna, potrebbe provare ad inserirsi nel gioco per le medaglie.

Eva Lechner (10%)

PALLANUOTO 

Ore 18.00, finale per il terzo posto uomini

Il Settebello va a caccia di un bronzo importantissimo, che confermerebbe il podio di Londra 2012 (allora fu argento). Gli azzurri si sono svegliati tardi contro la Serbia in semifinale e non dovranno commettere lo stesso errore al cospetto di una compagine esperta e zeppa di fuoriclasse, seppur nella seconda fase della carriera. Giocatori come Brgulian, Janovic, Ivocic, Radovic e Petrovic possono fare la differenza in qualsiasi momento. Fisicamente i balcanici sono superiori e l’Italia dovrà essere brava ad impostare la partita su dinamismo e velocità, cercando di piazzare delle controfughe. Nel girone preliminare gli azzurri si imposero per 6-5, ma agli ultimi Europei di gennaio i montenegrini dominarono e vinsero 10-7. Il punto debole dei nostri avversari è una panchina che non garantisce ricambi all’altezza dei titolari. Per questo sarà importante mantenersi a contatto sin dalle battute iniziali.

Settebello (49%)

PENTATHLON MODERNO

Ore 23, combined-event maschile

Riccardo De Luca ha chiuso al decimo posto il ranking round di scherma. Bene, ma non benissimo. L’azzurro, presumibilmente, precipiterà in classifica dopo la prova di nuoto, suo tallone d’Achille. A quel punto dovrà dare il tutto per tutto nell’equitazione e, soprattutto, nell’amato combined-event (frazione che unisce tiro a segno e podismo), nel quale dovrà tentare una delle rimonte che gli hanno spesso consentito di salire sul podio tra Europei e Coppa del Mondo. La medaglia è difficilissima, ma resta un lumicino di speranza.

Riccardo De Luca (10%)

federico.militello@oasport.it

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

Foto: Renzo Brico

Lascia un commento

Top