Olimpiadi Rio 2016: le speranze di medaglia dell’Italia di domenica 7 agosto. Piatto ricco con Tania Cagnotto

Tania-Cagnotto-tuffi-foto-twitter-london-2016.jpg

Non c’è sosta alle Olimpiadi di Rio 2016. Dopo un sabato con più ombre che luci per l’Italia, ci apprestiamo a vivere una domenica 7 agosto che vedrà nuovamente il Bel Paese coltivare ampie speranze di medaglia.

Si comincia alle 17.30 con la prova in linea di ciclismo femminile. Elisa Longo Borghini sta bene, è in forma. Il percorso è duro, vario, presenta anche tratti in pavé: le piace molto. La 24enne di Ornavasso figura tra le papabili per un podio, ma attenzione anche a Tatiana Guderzo: la gamba è ottima e potrebbe far saltare il banco con una fuga da lontano.

Alle 20.00, poi, speriamo di vedere nella semifinale della fossa olimpica di tiro a volo Jessica Rossi. Sarà proprio questo lo scoglio principale per l’emiliana: approdare nella fase conclusiva della gara. Servirà chiudere le qualificazioni ai primi sei posti. La campionessa olimpica in carica è reduce da un triennio travagliato e scarno di soddisfazioni. Si tratta, tuttavia, di una fuoriclasse indiscutibile, capace di vincere qualsiasi titolo in carriera. Siamo certi che, in una gara secca come le Olimpiadi, tutte le avversarie non avranno piacere, in una eventuale finalissima, a ritrovarsi di fianco Jessica Rossi.

Il momento più atteso della giornata sarà poi alle 21.00. Tania Cagnotto e Francesca Dallapé disputeranno l’atto conclusivo dei 3 metri sincronizzati di tuffi. La bolzanina va a caccia della medaglia che coronerebbe una carriera superlativa e, d’incanto, cancellerebbe la grande delusione di Londra 2012. Se la Cina è fuori portata, le azzurre se la giocheranno presumibilmente con Canada ed Australia per gli altri due posti sul podio.

Contemporaneamente ai tuffi andranno in scena anche le finali di tiro con l’arco e judo. Nella prova a squadre di arco le azzurre partiranno dagli ottavi di finale contro il Brasile, ostacolo che dovrebbero superare senza eccessivi patemi. Ai quarti, poi, partiranno sfavorite contro la Cina, ma una vittoria spalancherebbe le porte alla zona medaglia. Per quanto riguarda il judo, Odette Giuffrida e Fabio Basile proveranno a sfruttare un tabellone discreto per fare più strada possibile.

La giornata (in termini di chance di podio) si concluderà con il fioretto maschile individuale di scherma. Andrea Cassarà, Daniele Garozzo e Giorgio Avola non hanno brillato nel corso della stagione, dando sovente il meglio nelle gare a squadre. Si tratta, in ogni caso, di schermidori di enorme valore e giornata giusta uno di essi potrebbe arrampicarsi fino alle semifinali.

Ai limiti dell’impossibile, infine, le speranze di medaglia della 4×100 sl maschile di nuoto.

federico.militello@oasport.it

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

Lascia un commento

Top