Olimpiadi Rio 2016: i casi doping scalfiscono ma non affondano la Russia

Judo-Beslan-Mudranov-1.jpg

Fino a pochi giorni prima della cerimonia inaugurale dei Giochi Olimpici di Rio 2016, la Russia sportiva non era ancora a conoscenza del proprio destino. Alla fine, la delegazione russa ha potuto prendere parte alla rassegna a cinque cerchi priva delle squadre di atletica e di sollevamento pesi, oltre che di numerosi atleti di altri sport coinvolti a vario titolo in casi doping.

Gli scandali che hanno colpito il mondo sportivo russo hanno di certo scalfito l’immagine di questa potenza agli occhi dell’opinione pubblica internazionale, ma la reazione è arrivata nelle competizioni, con risultati eccellenti: cinquantasei medaglie di cui diciannove d’oro, e la conferma del quarto posto nel medagliere come a Londra 2012.

Analizzando i meri numeri, si denota un calo di tre medaglie d’oro e di ben ventuno podi rispetto alla precedente edizione, ma una visione più approfondita ci porta in realtà a concludere che le prestazioni della Russia sono addirittura migliorate rispetto a Londra. Nel 2012, infatti, l’atletica fornì ben sei ori e tredici medaglie al medagliere russo, senza dimenticare le sei medaglie del sollevamento pesi. A colmare le assenze è stata soprattutto la scherma, che in Brasile ha conquistato quattro titoli olimpici, mentre a Londra era tornata a casa senza ori. Si confermano ad ottimi livelli, invece, il judo e la lotta, così come gli immancabili due ori del nuoto sincronizzato. Nel complesso, sono diciassette le discipline andate a medaglia.

Se, dalla dissoluzione dell’Unione Sovietica, la Russia ha chiaramente subito un calo nelle sue performance sportive, anche per via della perdita di tanti grandi atleti che appartenevano alle altre repubbliche, tra Pechino 2008 e Londra 2012 le prestazioni sportive di questo Paese si sono assestate, e la conferma è arrivata anche a rio de Janeiro. Da capire, però, come uscirà la Russia dalle vicende doping che ancora non sono state chiarite del tutto, con il rischio di perdere anche diverse medaglie ottenute nelle due precedenti edizioni dei Giochi.

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo Facebook
Clicca qui per seguirci su Twitter

giulio.chinappi@oasport.it

Tag

Lascia un commento

Top