Nuoto, Olimpiadi Rio 2016: prime finali del terzo giorno. Ori per Sun Yang, Hosszu e Murphy

Katinka-Hosszu-nuoto-foto-facebook-fina-deepbluemedia.jpg

Tre finali di seguito a Rio 2016 per il nuoto e ci sono un oro discusso (Sun Yang, 200 stile libero), un oro a sorpresa (Katinka Hosszu, 100 dorso donne) e un oro a un passo dal record mondiale (Ryan Murphy, 100 dorso uomini).

Il cinese reagisce alla super partenza del sudafricano Chad Le Clos (argento in 1’45”20 dalla corsia 1 con passaggio folle ai 100) e tocca davanti a tutti in 1’44”65 riscattando l’amarezza per l’argento nei 400 del primo giorno. Bronzo per lo statunitense Conor Dwyer in 1’45”23. Ora Gregorio Paltrinieri aspetta in vista dei 1500 sl.

La magiara è prima in 58”54 e anticipa sul podio la statunitense Kathleen Baker (58”75) e due atlete pari merito sul gradino più basso, la canadese Kylie Masse e la cinese Fu Yuanhui (58”76). Impressionante il successo della Iron Lady che in Brasile era attesa soprattutto nei misti: nei 400 ha stritolato il record del mondo di Ye Shiwen, nei 200 tra poco potrà tentare il bis (in batteria primato olimpico) ma intanto si prende il secondo oro a cinque cerchi della sua carriera.

L’americano è il primo nella storia a scendere sotto i 52” senza il costume gommato e tocca con il record olimpico di 51”97 (WR di Aaron Peirsol a tre centesimi). A sorpresa argento Cina con Xu Jiayu in 52”31, poi c’è David Plummer terzo in 52”40. Americani sempre padroni del dorso maschile nella nottata in cui invece affossa l’Australia: Emily Seebohm e Mitchell Larkin, oro nei 100 e nei 200 ai Mondiali di Kazan 2015 e coppia anche nella vita privata, affossano e sono rispettivamente settima (59”19) e quarto (52”43). Incredibile.

SEGUI IL LIVE

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

Clicca qui e metti mi piace per restare sempre aggiornato sul mondo del nuoto italiano

francesco.caligaris@oasport.it

Twitter: @FCaligaris

Foto da: pagina Facebook Fina/DeepBlueMedia

Lascia un commento

Top