Nuoto, Olimpiadi Rio 2016: Ilaria Bianchi, esaltati! Può sorprendere in silenzio

unnamed1.jpg

E’ silenziosa ma può sorprendere. Se “dimenticata” può sbucare fuori contro ogni pronostico e regalarsi una grande emozione, l’ennesima della carriera. Ilaria Bianchi ormai è una veterana del delfino internazionale: due Olimpiadi – quella che inizierà oggi sarà la terza, come lei solo Federica Pellegrini ed Erika Ferraioli nel contingente azzurro femminile per Rio – e un titolo mondiale in vasca corta fanno da corredo alle due medaglie forse più belle della carriera, i due bronzi europei in lunga nei 100 conquistati a Berlino 2014 e Londra 2016. C’è una felice costante nelle stagioni dell’emiliana: negli anni pari va forte.

E i Giochi brasiliani del 2016, guarda caso, cadono in un anno pari. Memo lapalissiana, ovviamente, dato che la rassegna a cinque cerchi si disputa ogni quattro stagioni. Eppure per Ilaria Bianchi qualcosa vorrà pur dire, qualcosa può e deve significare, perché il 12° posto nel ranking delle migliori prestazioni stagionali nasconde il vero valore di un 57”47 a lungo rincorso e che sembrava non poter tornare più nelle sue corde. Invece l’azzurra, tra le atlete più solari e genuine del movimento, ha ricominciato a volare sull’acqua e non è ora distante dal suo record italiano di 57”27 con il quale fu sorprendentemente quinta a Londra 2012, tra le poche promosse della debacle tricolore.

Ecco, con tutta probabilità Ilaria Bianchi non salirà sul podio a Rio 2016. Ma ripetere il risultato inglese, con la concorrenza raddoppiata tra la campionessa in carica e mamma Dana Vollmer che non molla, la svedese Sarah Sjoestroem da primato mondiale (è già distante soli quattro centesimi), le giovanissimi cinesi Chen e Lu, l’altra statunitense Kelsi Worrell seconda in classifica, la sempre presente Jeanette Ottesen, l’australiana Emma McKeon e – perché no – anche la fuoriclasse del futuro, la 16enne canadese Penny Oleksiak, sarebbe quasi come una medaglia per la delfinista azzurra. Che nel mirino, oltre al divertimento, ha pure il suo record e la finale con la staffetta mista argento europeo dell’ultima giornata.

 

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter
Clicca qui e metti mi piace per restare sempre aggiornato sul mondo del nuoto italiano

francesco.caligaris@oasport.it

Twitter: @FCaligaris

Foto da: ufficio stampa Head Swimming

Lascia un commento

Top