Nuoto Olimpiadi Rio 2016. Il pagellone: Detti strepitoso, Pellegrini c’è. Troppi bocciati

Christiansen-Detti-Berniak-400-sl-Europei-Londra-2016-foto-deepbluemedia-comunicato-len.jpg

GABRIELE DETTI 9: un capolavoro di tattica. Nervi saldi, come solo chi ha visto prima la gara puòà tenere. Per 300 metri staziona nelle retrovie anche se non perde troppo contatto dai primi. Sembra quasi gareggiare su Sun che aspetta e poi prova l’attacco nel finale trovando il “muro” Horton davanti a sé. Detti, invece, approfitta del crollo di Dwyer ma ha il merito di tenere le energie da spendere al momento giusto. Chiude con 3’43”49, un tempo in linea con quelli nuotati quest’anno. Si mette la prima medaglia olimpica al collo e guarda con fiducia ai 1500 metri dove potrebbe essere ancora protagonista.

ANDREA TONIATO 6: esce di scena subito in una gara stratosferica come i 100 rana. Lui il suo lo fa, a differenza di qualche compagno, nuotando sui suoi livelli migliori dell’ultima stagione e combattendo strenuamente per tre quarti di gara. Peccato per un finale poco brillante ma evidentemente i suoi limiti attuali sono questi.

LUISA TROMBETTI 4: mai in gara nei 400 misti che l’avevano rivelata al grande pubblico a Riccione. Naufraga con un tempo lontano dai suoi migliori palesando una condizione atletica e una resistenza lontani da quelli mostrati durante quasi tutta la stagione. Occasione persa.

SARA FRANCESCHI 5.5: che ci sia qualcosa che non ha funzionato nella preparazione dell’evento per gran parte dei nostri è palese. Franceschi paga anche un po’ di emozione perché, giovanissima, si affaccia sul palcoscenico più importante. Chiude a 8 secondi dal personale, lontana dal tempo che sarebbe servito per la finale ma almeno dà l’impressione di volerci provare che, nel giorno del mezzo disastro azzurro, è già una nota di merito.

ILARIA BIANCHI 4: lei, che non aveva mai sbagliato a un’Olimpiade, disputa la sua peggior gara della stagione nell’occasione più importante. Nella prima vasca è la Bianchi di sempre, un po’ pigra al mattino. Tocca a due decimi dall’obiettivo fissato ma le mancano le forze per rimettere a posto le cose nel ritorno. Niente cambio di marcia che le aveva fruttato il bronzo a Londra. Niente: naufraga e sa spiegarsi solo in parte questo 58”4 che avrebbe fatto arricciare il naso in un allenamento, figurarsi ad un’Olimpiade.

CLICCA PAGINA 2 PER PELLEGRINI E LE ALTRE STAFFETTISTE

Tag

Lascia un commento

Top