Nuoto: Gabriele, un campione con i cosidDetti. Ora l’obiettivo è la conferma

Gabriele-Detti-nuoto-foto-deepbluemedia-comunicato-len.jpg

Chissà a cosa starà pensando Gabriele Detti, sotto l’ombrellone di una spiaggia imprecisata italiana, dopo esser tornato da Rio con due medaglie ed aver centrato tutti gli obiettivi prefissati per i Giochi Olimpici. Metalli e riscontri cronometrici da urlo, come i 6 secondi tolti al suo personale nella finale dei 1500 stile libero, parlano chiaro di che campione l’Italia abbia trovato nel nuoto.

Un 2016 da incorniciare per Gabriele, dopo il tanto penare per l’assenza dal Mondiale di Kazan 2015. Vero è che l’aver assistito da spettatore alla rassegna iridata di 12 mesi fa ha dato, probabilmente, ancora più energia al toscano negli allenamenti, per uscire dalla nomea del “Paltrinieri’s friend” e trovare una propria dimensione. Ebbene, il successo agli Europei 2016 nei 400 stile libero ed i due bronzi ai Giochi (400 e 1500 stile libero) lo ripagano dei tanti sacrifici profusi in vasca. Un atleta coi cosidDetti, concedeteci il gioco di parole per descrivere le qualità del livornese. Un’espressione colorita però ben rappresentativa dell’azzurro in piscina, nel modo di concepire ed interpretare l’atto agonistico.

Sono state semplicemente perfette le gare nell’Olympic Aquatics Stadium: le prime vasche d’assaggio e poi il ritorno pauroso quando il traguardo è in vista. Un agire degno del miglior finisseur, usando un termine abituale nel ciclismo, in grado di progressioni incredibili sul finire, aprendo letteralmente le acque per centrare un solo obiettivo: la medaglia a Cinque Cerchi. Ora per Detti arriva però il difficile: riconfermarsi e gestire le pressioni di chi lo ha conosciuto ed apprezzato in Brasile. Sarà questa la prova suprema per il 21enne. L’impressione è che Gabriele abbia ancora dei margini di miglioramento notevoli, specie nei particolari di virata/subacquea particolarmente importanti nei 400 metri. L’essere sceso di tre secondi nelle otto vasche, in una stagione, la dice lunga sulle prospettive dell’italiano. Già dai mondiali in vasca corta a Windsor (Canada), dal 6 all’11 dicembre, in un impianto che notoriamente ospita le partite di hockey su ghiaccio, ne sapremo di più.

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter
Clicca qui e metti mi piace per restare sempre aggiornato sul mondo del nuoto italiano

giandomenico.tiseo@oasport.it

Twitter: @Giandomatrix

Immagine: fonte Len

Tag

Lascia un commento

Top