Mountain Bike, Olimpiadi Rio 2016: Rissveds, dominio d’oro! Lechner lontana

19832608881_a36f72daf7_z.jpg

La giovane svedese Jenny Rissveds ha conquistato la medaglia d’oro nella gara femminile di mountain bike alle Olimpiadi di Rio 2016: a 22 anni, ha gestito la gara in maniera perfetta anche dal punto di vista tattico, scatenandosi nel finale.

La prima parte di gara è stata animata dall’attacco della svizzera Linda Indergand, che per un paio di giri ha mantenuto una ventina di secondi di vantaggio sulle inseguitrici che però non le hanno mai lasciato spazio. Con il passare dei chilometri le più forti alle sue spalle hanno fatto la differenza e l’hanno raggiunta per poi staccarla senza patemi.

Al comando si sono portate la Rissveds, la polacca Maja Wloszczowka e la svizzera Jolanda Neff. Proprio quest’ultima è stata la prima a staccarsi sotto l’impulso del forcing della svedese, in giornata sin dalle prime di fasi in cui ha controllato la corsa senza strafare. Addirittura la Neff è andata in piena crisi e si è fatta riprendere e staccare dalle inseguitrici con le canadesi Emily Batty e Catharine Pendrel scatenate alle sue spalle.

Una volta sull’ultima salita la Rissveds ha fatto valere la propria superiorità scavando un gap incolmabile sul tratto duro per involarsi sul traguardo con 37” di vantaggio sulla polacca Wloszczowka. Terza la Pendrel nonostante la forte rimonta di Batty nell’ultimo chilometro, sufficiente solo per avvicinare la compagna. A seguire la ceca Nash, la svizzera Neff, la statunitense Davison e la svizzera Indergand, ottava.

Gara molto difficile sin dalle prime battute per l’azzurra Eva Lechner, dotata di un passo decisamente inferiore rispetto alle migliori di giornata in una gara chiusa al 18esimo posto con 8’30” di ritardo dalla prima posizione. Purtroppo un risultato deludente nonostante l’avvicinamento alla prova olimpica avesse lasciato già qualche dubbio sulla sua condizione.

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

gianluca.santo@oasport.it

Twitter: @Santo_Gianluca

Foto: Henrik Severed

Lascia un commento

Top