Mountain Bike, Olimpiadi Rio 2016: Fontana vuole il bis, le speranze degli italiani

Eva-Lechner-Mountain-Bike-Romeo-Daganello.jpg

Dopo il bronzo di Londra 2012 conquistato da Marco Aurelio Fontana con una gara straordinaria e già passata alla storia, la nazionale italiana di Mountain Bike si presenterà alle Olimpiadi di Rio 2016 con l’obiettivo di ripetere quanto fatto quattro anni fa. 

La maggiore speranza di salire sul podio sarà riposta ancora una volta sulle spalle proprio di Fontana, punta della nazionale sia dal punto di vista dei risultati sia dal punto di vista della promozione e dell’immagine. In carriera ha spesso e volentieri dimostrato di saper cogliere i migliori risultati nelle situazioni più importanti, proprio come quattro anni fa a Londra. Quest’anno ha deciso di sacrificare l’attività invernale del ciclocross per focalizzare la preparazione solamente sulle Olimpiadi: fino ad ora non ha raccolto risultati di spessore ma sa di avere un’importante possibilità per salire nuovamente sul podio olimpico nonostante tanti atleti di spessore che possono ambire alle medaglie.

Andrea Tiberi e Luca Braidot, che completeranno la squadra maschile, non possono avere le stesse ambizioni di Fontana ma possono comunque puntare ad un piazzamento tra i migliori 15, o a ridosso dei primi 10, di grande caratura internazionale.

Eva Lechner, invece, sarà l’unica rappresentante azzurra in campo femminile. Anche lei, come Fontana, ha impostato la preparazione in ottica Rio già a partire dalla stagione del ciclocross, senza però rinunciare a Coppa del mondo e Mondiali. A Pechino e Londra non è mai riuscita ad entrare tra le migliori 15 e quello sarà il suo obiettivo principale. L’altoatesina, però, può puntare sia alla top 10 che alla zona podio anche se è difficile valutare le sue reali potenzialità di medaglia dati i pochi riscontri attendibili contro le altre favorite nell’ultimo periodo. Un obiettivo realistico resta, come detto, un piazzamento tra le migliori 10. 

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

gianluca.santo@oasport.it

Twitter: Santo_Gianluca

Foto: Romeo Deganello

Lascia un commento

Top