LIVE – Atletica, Olimpiadi Rio 2016 in DIRETTA – Bolt il Re della velocità, Van Niekerk record del Mondo, Grenot in Finale!

Usain-Bolt-ritorno.jpg

Alla 01.30 inizierà una lunga nottata di atletica leggera che culminerà con i 100m, il momento cruciale delle intere Olimpiadi 2016. Si cerca l’uomo più veloce della Terra, tutto sembra pronto per la super sfida tra il favorito Usain Bolt e Justin Gatlin.

In palio anche i titoli dei 400m maschili e del salto triplo femminile. L’Italia si affida a Libania Grenot impegnata nelle semifinali dei 400m femminili e a Silvano Chesani nel turno di qualificazione del salto triplo.

OASport vi offrirà la DIRETTA LIVE dell’intera nottata di atletica leggera alle Olimpiadi 2016 per non perdersi davero nulla di quello che succede a Rio de Janeiro.

CLICCA IL TASTO F5 O FAI REFRESH PER RICEVERE TUTTI GLI AGGIORNAMENTI

 

03.30 È l’Imperatore delle Piste. È il Re della velocità. È il Fulmine sceso in terra per correre più rapidamente di tutti gli uomini. Usain Bolt ancora una volta ha dato una lezione a tutta l’atletica leggera e, con una delle sue superlative prestazioni a cui ci ha abituato nell’ultimo decennio, si laurea meritamente Campione Olimpico dei 100m correndo in 9.81.

È il sigillo che il giamaicano si aspettava, a una settimana esatta dal suo trentesimo compleanno, e che tutto il Mondo voleva imprimere all’icona della velocità. Bolt ha riscritto per l’ennesima volta i record della disciplina, diventando sempre di più l’incarnazione del mito dell’uomo che sa correre più della luce e superare tutte le barriere.

A Rio 2016 Usain Bolt ha firmato una leggendaria tripletta, mettendosi al collo la medaglia d’oro della prova regina dei Giochi Olimpici per la terza volta consecutiva dopo essersi già imposto a Londra 2012 e Pechino 2008, sempre volando su tempi da autentica fantascienza (9.69 e 9.63). Nessuno aveva mai vinto il titolo a cinque cerchi per tre volte consecutive, l’unica doppietta era stata firmata da Carl Lewis, il figlio del vento a cui ora The King può essere affiancato.

Il caraibico conquista così la sua settima medaglia d’oro alle Olimpiadi diventando uno degli atleti più vincenti di tutta la storia. Nell’edizione che ha immortalato un immenso Michael Phelps, Bolt conferma di meritarsi tutto il palcoscenico, l’affetto del pubblico e il calore dei media.

Non c’è stata gara, proprio come ai Mondiali 2015. Usain pasticcia in partenza, male nei primi 30m ma nel lanciato non c’è proprio storia ha nettamente sconfitto il grande rivale Justin Gatlin, statunitense Campione Olimpico di Atene 2004 che si è fermato a 9.91. Bronzo al collo del canadese Andre De Grasse (9.91).

 

03.15 Niente da fare per Silvano Chesani: tre errori a quota 2.25 e mesta eliminazione.

 

03.05 RECORD DEL MONDOOOOOOOOOOOOOOOO

Oltre i limiti dell’umano per entrare di diritto nella fantascienza, Wayde Van Niekerk ha letteralmente riscritto la storia dei 400m ed è diventato leggenda con una prestazione davvero incredibile e inattesa anche da lui stesso.

Il fenomeno sudafricano si è laureato Campione Olimpico correndo il giro della morte in un inverosimile 43.03: RECORD DEL MONDO, abbattuto di 15 centesimi il già vertiginoso tempo corso da Michael Johnson ai Mondiali di Siviglia 1999.

Il 24enne ha stupido tutti correndo un tempo impossibile partendo addirittura in ottava corsia! Questo titolo si combina con quello iridato dello scorso anno. Tra lui e gli altri un abisso: argento per Kirany James Campione Olimpico 2012 (43.76), bronzo per l’eterno statunitense LaShawn Merritt (43.85).

 

02.57 Silvano Chesani sbaglia il primo tentativo a 2.25.

02.40 Siamo alla metà della Finale del salto triplo. La favorita Caterine Ibarguen conduce con 15.03 ma è tallonata dalla giovane venezuelana Yulimar Rojas (14.87). La kazakha Olga Rypakova (14.73) e la statunitense Keturah Orji (14.71) sono subito lì n zona. Williams, Mamona, Knyazyeva, Papharistou sono più attardate.

02.36 Silvano Chesani si salva! Salta 2.22 al terzo tentativo! La Finale di salto triplo femminile sta giungendo alla metà.

02.28 Silvano Chesani è in serata no: secondo errore a 2.22…

02.16 JUSTIN GATLIN corre forte ma è sembrato rigido e poco fluido. Un’azione a spron battuto fino ai 70m, ha cercato di spingere ma non è riuscito a trovare l’azione migliore. Chiude in 9.96. Secondo Yohan Blake in 10.01: l’ex Campione del Mondo disputerà la Finale. Eliminati invece Christophe Lemaitre (10.07) e Su Bingtian (10.08). Lontanissimo Dasaolu (10.16).

02.15 Ora la terza e ultima semifinale dei 100m. Vedremo al risposta di Justin Gatlin a Usain Bolt.

USAIN BOLT esce molto bene dai blocchi di partenza nella seconda semifinale, corre fino ai 60m quando affianca De Grasse e poi si controlla a destra e a sinistra! Impressionante prova del Fulmine che vince la semifinale in 9.86 e lancia un chiaro segnale a Justin Gatlin. Secondo De Grasse in 9.92. Anche il canadese in Finale. Travyon Brommell lento in 10.01 ma viene ripescato.

02.08 Il colpevole è Andrew Fischer, dal Bahrain.

02.07 Partenza falsa!

02.06 Ora è il turno di Usain Bolt! C’è la sua semifinale. Corre con Brommell. Maschera di ghiaccio quando il pubblico lo inneggia.

02.05 JIMMY VICAUT si ritrova! Dopo una brutta batteria, il francese vince la prima semifinale dei 100m con una prestazione convincente e in progressione: 9.95 e agevole ingresso alla finale in compagnia del sempre più sorprendente ivoriano Ben Youssef Meite (9.97). Spera nel ripescaggio il sudafricano Akani Simbine (9.98). Molto male Nickel Ashmead (10.05) e Marvin Bracy (10.08).

01.58 Tra un paio di minuti iniziano le semifinali dei 100m con Bolt, Gatlin e tutti gli altri. La Finale alle 03.25. Intanto inizia la Finale di salto triplo femminile.

 

La Panterita ha graffiato! Questa volta Libania Grenot mantiene le aspettative della vigilia e come aveva promesso strappa la qualificazione alla Finale dei 400m alle Olimpiadi di Rio 2016.

Dopo aver fallito l’obiettivo a Pechino 2008 e Londra 2012, la Campionessa d’Europa ha corso una meravigliosa semifinale. Esce meravigliosamente dai blocchi di partenza, pennella i primi 300m rendendosi protagonisti di una prova coraggiosa senza badare a spese, stringe i denti sul rettilineo finale e ferma il cronometro su un eccellente 50.60 che basta e avanza per ottenere il miglior tempo di ripescaggio, utile per accedere all’atto conclusivo del giro della morte.

Libania si vede scappare via le due stelle assolute Allyson Felix (49.67) e Shaunae Miller (49.91) che lotteranno per la medaglia d’oro ma si lascia alle spalle l’accreditata Christine Day (51.53) ed entra tra le magnifiche otto. In finale ci saranno anche le giamaicane Shericka Jackson (49.83) e Stephenie Ann McPherson (50.69), le statunitensi Natasha Hastings (49.90) e Phyllis Francis (50.31).

01.50 FINALEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEE! Libania Grenot corre in 50.60 la sua semifinale, conclusa al terzo posto e accede alla Finale dei 400m con il miglior tempo di ripescaggio! Fuori dalla finale Christine Day, tutto facile per Allyson Felix (49.67) e Shaunae Miller (49.91).

01.45 Ora è il turno della nostra Libania Grenot. Partirà in sesta corsia. Felix, Day e Miller sembrano fuori portata: deve correre sotto il 50.75 per entrare in Finale con il tempo di ripescaggio.

01.43 Cosa ha corso Shericka Jackson! 49.83 della giamaicana, tempo strepitoso come quello della statunitense Natasha Hastings che le arriva subito dietro (49.90). Il miglior tempo di ripescaggio rimane il 50.75 della Zemlyak, 50.88 per Salwa Eid Naser (terza nella seconda semifinale, stesso tempo di Oluwakemi Adekora nella prima semifinale).

01.38 Libania Grenot è impegnata nella terza semifinale insieme alle stelle Felix, Day e Miller. Solo le prime due accedono alla semifinale… Sarà davvero durissima, bisognerà puntare ai ripescaggi e correre almeno attorno al 50.70, vedremo.

01.37 La prima semifinale dei 400m produce l’esito più scontato. Accedono alla finale la statunitense Phyllis Francis (50.31) e la giamaicana Stephenie Ann McPherson (50.69). L’ucraina Olha Zemlyak corre il proprio personale in 50.75 e spera nel ripescaggio. Eliminata Christine Ohuruogu (51.22), Campionessa Olimpica di Pechino 2008.

Lascia un commento

Top