Fantacalcio: tutte le scommesse, le possibili sorprese, le pagelle del calciomercato. I consigli di OA

Higuain-libera.jpg

Torna come ogni estate la rubrica di OA Sport sul Fantacalcio, per fare il punto sul calciomercato, con acquisti e cessioni delle squadre di serie A, e valutare le operazioni finora concluse, il tutto corredato dalle nostre scommesse per ogni club. Una guida imperdibile in vista delle aste con i vostri amici, dove potrete avere qualche asso nella manica…

NB: aggiornato al 31 luglio 2016

ATALANTA

Ottima stagione, quella passata, per l’Atalanta, che ha ampiamente meritato la permanenza in serie A. Il cambiamento più importante di quest’anno riguarda l’allenatore: infatti è arrivato Gasperini, reduce da una pluriennale esperienza al Genoa; le sue competenze daranno sicuramente smalto alla rosa degli orobici.
L’acquisto finora di miglior livello è quello di Paloschi, seguito da Zukanovic, cercato da tanti grandi club l’anno scorso, e che dopo l’esperienza alla Roma ha deciso di rilanciarsi nell’Atalanta.
Resta la certezza Gomez (per ora) nel reparto offensivo, mentre è andato via l’ottimo De Roon (al Middlesbrough), che nella scorsa stagione è stato il pilastro del centrocampo bergamasco. Il suo posto potrebbe essere di competenza di Kessie, reduce dal prestito al Cesena, che si gioca le chance con Carmona. Ma il calciomercato è ancora lungo, e l’Atalanta potrebbe, e forse dovrebbe, rinforzare il centrocampo, anche a causa della cessione di un altro pilastro della squadra, Cigarini.
Il suo sostituto potrebbe essere Quaison, uno degli obiettivi degli orobici, che al Palermo non è mai riuscito a trovare un vero posto da titolare.
La salvezza anche per il prossimo campionato è comunque a portata di mano.

VOTO: 6+

TOP PLAYER: GOMEZ
Lo scorso campionato è stato sicuramente il miglior giocatore degli orobici (con 7 reti all’attivo), tornato ai livelli di qualche anno fa a Catania. Guiderà anche quest’anno l’attacco dell’Atalanta a suon di gol e assist, salvo una sua eventuale cessione. Ventura potrebbe considerarlo anche per la nazionale italiana…

SCOMMESSA: PALOSCHI
Dopo 6 mesi in Inghilterra, tra le fila dello Swansea, ritorna in Italia per affermarsi nuovamente. Reduce da due stagioni positive al Chievo, potrebbe esplodere definitivamente all’Atalanta, dove sarà il principale terminale offensivo.

BOLOGNA

Per il momento il Bologna non ha brillato sul mercato, acquistando pochi giocatori e non di alto livello. A parte qualche elemento rientrato dal prestito (Cherubin, Ceccarelli) e qualche acquisto dalla serie B (Di Francesco e Boldor dal Lanciano), per ora spicca il solo Verdi, l’anno scorso al Carpi.
Andato via Giaccherini, la dirigenza deve cercare un buon sostituto per sopperire alla sua assenza: ci sono varie piste al momento, se almeno una di queste dovesse concretizzarsi i felsinei farebbero un ottimo colpo di mercato. Si parla di un possibile ritorno di Diamanti, ma anche di Viviani e Dzemaili.
Per l’attacco resta l’interesse per Giuseppe Rossi, già accostato al Bologna a gennaio, ma questa trattativa per decollare deve prima passare dal vaglio di Paulo Sousa, il quale dovrà decidere se puntare su Pepito oppure no per la prossima stagione.
Ad oggi il Bologna ci sembra molto indietro sul mercato, quindi Donadoni sarà chiamato, salvo acquisti di ottimo livello da qui alla fine della finestra di trasferimenti, ad una vera impresa per salvare la squadra.

VOTO: 5

TOP PLAYER: DESTRO
A lungo infortunato, non ha potuto dar manforte al Bologna nella parte finale dello scorso campionato, e non potrà farlo nemmeno per l’inizio del nuovo (dato che rimarrà infortunato per le prime giornate); ma resta l’elemento di spicco dei felsinei, intenzionati a puntare anche per la prossima stagione su di lui.

SCOMMESSA: DI FRANCESCO
Classe 1994, di ruolo centrocampista offensivo (con possibilità di giocare anche da attaccante), è figlio del tecnico del Sassuolo. Reduce da un’ottima stagione al Lanciano in B, con 8 reti segnate, dovrebbe trovare il suo spazio tra i titolari nel corso della prossima stagione, avendo la possibilità di affermarsi nella massima serie.
CAGLIARI

Dopo un anno in B, i sardi tornano prepotentemente nella massima serie, e lo fanno con una squadra che ha mantenuto i calciatori artefici della promozione, ai quali si aggiunge l’esperienza del portoghese Bruno Alves e quella di Padoin; inoltre grande acquisto per il centrocampo è quello di Ionita, reduce da un’ottima stagione con il retrocesso Verona.
Qualora il Cagliari riuscisse ad acquistare altri dei suoi obiettivi (tra cui Viviani, Calabria, Maicon, Inler e Muntari) potrebbe fare davvero un campionato sopra le righe.
Sembra vicino anche Borriello, che, affiancato a Sau e Farias, formerebbe un tridente di alto livello.

VOTO: 7-

TOP PLAYER: FARIAS
Reduce da una brillante stagione in serie B, guiderà l’attacco sardo anche nella massima serie, e con Sau al suo fianco formerà una coppia in grado di raggiungere i 20 gol complessivi.

SCOMMESSA: PADOIN
Dopo vari anni da gregario alla Juventus, a Cagliari avrà la possibilità di tornare a giocare titolare, da terzino o da esterno di centrocampo. I tempi con l’Atalanta sono molto lontani, ma qualora riuscisse a tornare ai livelli in cui vestiva la maglia della Dea questo ne farebbe uno dei pilastri del nuovo Cagliari.
CHIEVO VERONA

Anche senza Paloschi, trasferitosi a gennaio allo Swansea, il Chievo ha concluso la passata stagione su ottimi livelli. Per il prossimo campionato tuttavia ci sarà bisogno di forze fresche, dato che per il momento l’unico valido elemento nuovo, anche se è una vecchia conoscenza dei clivensi, è il portiere Sorrentino, tornato a Verona per sostituire Bizzarri.
Qualche rinforzo serve sicuramente nel reparto avanzato, dove gli occhi sono puntati sui due attaccanti del Frosinone Dionisi e Ciofani.
Per assicurarsi una tranquilla salvezza, al Chievo serve ancora qualche rinforzo.

VOTO: 5

TOP PLAYER: MEGGIORINI
Dopo la cessione di Paloschi nel mercato di gennaio, è stato lui a prendere le redini dell’attacco clivense, e dovrebbe rimanere l’elemento di punta del Chievo anche per il prossimo campionato. L’eventuale arrivo di un altro attaccante potrebbe solo giovare alle sue prestazioni.

SCOMMESSA: INGLESE
Lo scorso campionato ha trovato molto spazio a partire da gennaio, chiamato a rimpiazzare come titolare il partente Paloschi. Per la prossima stagione, qualora il Chievo non dovesse acquistare altri attaccanti, sarà ancora lui il favorito per affiancare Meggiorini, avendo la possibilità di emergere definitivamente.
CROTONE

Dopo il grande campionato di serie B, concluso con il secondo posto, il Crotone ha perso due dei principali artefici della promozione (Ricci e Budimir), ma in compenso ha acquistato molti giocatori tra serie A e serie B (Ceccherini, Mazzarani, Sampirisi, Nalini, Simy, Mesbah e Tonev i principali). Tuttavia ci sembra che la rosa necessiti di ulteriori rinforzi se vorrà essere competitiva in serie A.
Infatti al momento, a parte il mister Nicola, l’attaccante Palladino e il nuovo arrivato Mesbah, il Crotone è privo di giocatori con un minimo di esperienza in serie A.
Ad oggi, la salvezza è un obiettivo molto difficile.

VOTO: 4.5

TOP PLAYER: PALLADINO
Il 32enne ex Parma è l’elemento con più esperienza della neopromossa, e toccherà a lui guidare il Crotone nella sua avventura in serie A, dove il napoletano torna a distanza di un solo anno, dopo averci giocato l’ultima volta con la maglia del Parma.

SCOMMESSA: NALINI
L’esterno d’attacco è stato fortemente voluto da mister Nicola, dato che è stato prelevato solo quest’estate dalla Salernitana, e potrà trovare il suo spazio (magari non subito da titolare) come esterno nel tridente offensivo.
A 26 anni, a distanza di soli 3 anni dal suo primo contratto professionistico (prima di essere scoperto dalla Salernitana giocava nei dilettanti, lavorando nel frattempo in fabbrica), potrà calcare i campi della serie A, e chissà che non riesca a compiere un ulteriore salto di qualità.
EMPOLI

Dopo lo splendido campionato finito nel maggio scorso, i toscani ripartono ancora una volta con un nuovo allenatore: Martusciello. L’ex giocatore empolese sarà tenuto ad un compito assolutamente non facile, quello di non far rimpiangere Giampaolo (passato alla Samp).
Tuttavia la squadra sarà orfana di alcuni dei principali elementi della passata stagione: Zielinski, Paredes, Tonelli e Mario Rui.
In compenso sono stati acquistati giocatori d’esperienza del calibro di Pasqual e Gilardino, ed è rientrato dal prestito allo Stoccarda anche il difensore Barba, a cui si aggiunge Bellusci, prelevato dal Leeds.
Ad oggi, il reparto che ancora necessita di qualche miglioria è il centrocampo, dove, ipotizzando che Saponara resti ancora, c’è da colmare il vuoto lasciato da Zielinski e Paredes. Il primo indiziato a sostituirli è Tello, ma il mercato potrebbe regalare anche uno tra Crisetig e Brugman.
Le premesse per un buon campionato ci sono tutte.

VOTO: 6.5

TOP PLAYER: SAPONARA
Doveva andar via già nello scorso campionato, e non è successo; potrebbe andar via durante questa finestra di mercato, ma sembra ancora destinato a rimanere, e in questo caso sarebbe lui il portabandiera del nuovo Empoli di Martusciello.
Dopo un inizio di stagione folgorante, ha chiuso lo scorso campionato in calo, ma le vacanze estive sicuramente gli avranno permesso di trovarsi pienamente pronto per il nuovo anno calcistico.

SCOMMESSA: TELLO
Reduce da una buona stagione a Cagliari, il centrocampista di proprietà della Juve sembra pronto per calcare i campi della serie A. Negli ultimi anni l’Empoli ha lanciato in Italia molti giocatori a centrocampo (Saponara, Valdifiori, Vecino, Zielinski, Paredes, Diousse); lui è il principale indiziato per essere il prossimo.
FIORENTINA

I Viola ritrovano in rosa, dopo la stagione in prestito, due grandi attaccanti come Rossi e Gomez, ma il loro destino è ancora tutto da decidere, quindi al momento l’ossatura della nuova Fiorentina sarà pressappoco la stessa dello scorso campionato. Infatti dal mercato non sono arrivate grandi sorprese, anche se c’è ancora molto tempo per fare acquisti.
La rosa attuale resta comunque estremamente competitiva, ma i rinforzi operati dalle altre squadre di livello potrebbero tener dietro la Fiorentina per tutto il campionato.

VOTO: 5+

TOP PLAYER: ILICIC
Ormai è lui il simbolo di questa Fiorentina, fortemente trattenuto lo scorso campionato da mister Sousa, mentre la dirigenza stava pensando di cederlo. È stato il più costante dei suoi, soprattutto quando ad un certo punto della stagione Kalinic ha iniziato a non segnare, “lasciando” il compito di farlo allo sloveno, che non se lo è lasciato ripetere due volte.
Anche nel prossimo campionato sarà una pedina inamovibile nello scacchiere di Sousa.

SCOMMESSA: ROSSI – GOMEZ
Difficile scegliere altri nomi al momento, ma se uno o entrambi gli attaccanti dovessero rimanere a Firenze, spingeranno per avere il loro spazio in campo. Escluso Ilicic, che sarà sicuro del posto da titolare, i due attaccanti potrebbero dare l’assalto agli altri posti disponibili nel reparto offensivo, magari spingendo Sousa ad arretrare Borja Valero per far spazio sulla trequarti a Rossi ,oppure a preferire Gomez a Kalinic, qualora questi non riprendesse la via del gol.
GENOA

Sulla panchina è arrivato Juric, vecchia conoscenza del Grifone, reduce da uno splendido campionato in serie B con il Crotone, terminato con la storica promozione nella massima serie. Esordiente in serie A (da allenatore), si ritrova una rosa priva di alcuni elementi molto importanti nella passata stagione: De Maio, Ansaldi, Cerci e soprattutto Suso (che comunque il Genoa sta cercando di riavere dal Milan). Nel frattempo è rimasto (per ora) il bomber Pavoletti, e sono arrivati Renzetti e Gentiletti a rinforzare la difesa, Veloso (vecchia conoscenza del Grifone) per il centrocampo, e Ocampos, e probabilmente Simeone jr (manca solo l’ufficialità) a rinforzare il reparto avanzato, orfano già dallo scorso gennaio di Perotti.
Potrebbe arrivare un altro attaccante a fare da alternativa a Pavoletti (i nomi che circolano sono soprattutto quelli di Osvaldo e Pinilla, anche se l’arrivo di Simeone potrebbe chiudere il mercato nel reparto offensivo), e un ulteriore rinforzo sia in difesa (forse Rossettini, anche se il Bologna sembra averlo tolto dal mercato) che a centrocampo (Dzemaili, Kasami).
Le basi per un buon campionato ci sono tutte.

VOTO: 6+

TOP PLAYER: PAVOLETTI
La scommessa su cui avevamo puntato l’anno scorso non ha deluso le aspettative: 14 gol segnati in campionato, considerando anche che ha saltato 30-40 giorni durante la parte finale della stagione per un infortunio. Numeri che hanno portato l’attaccante italiano vicino alla partecipazione all’Europeo.
Nel prossimo campionato, qualora non dovesse essere ceduto, sarà la punta di diamante del Genoa, pronta a conquistarsi a suon di reti la convocazione in azzurro.

SCOMMESSA: OCAMPOS
Prelevato dal Marsiglia, il centrocampista offensivo sarà chiamato a colmare il vuoto lasciato da Perotti. Il sangue argentino c’è, bisognerà vedere se anche le prestazioni saranno all’altezza di quelle del suo connazionale.
INTER

I nerazzurri finora si sono mossi poco sul mercato, prendendo tuttavia tre giocatori di grande livello: Ansaldi, reduce da una brillante conclusione di stagione col Genoa; Erkin, ex terzino del Fenerbahce, di cui si dice un gran bene; Banega, storica bandiera del Siviglia pluricampione d’Europa League.
Tuttavia è ancora presto per poter giudicare il mercato interista, perché tiene ancora banco la situazione di Icardi, tuttora accostato al Napoli, nonostante i partenopei abbiano già acquistato Milik.
Quasi certo, invece, l’ingaggio di Candreva, per cui manca solo l’ufficialità.
Tanti altri nomi vengono accostati all’Inter (Yaya Toure e Joao Mario, tanto per citarne qualcuno, oltre all’ultimo obiettivo Oscar), e i tifosi nerazzurri sicuramente sperano che almeno qualcuno dei vari giocatori su cui il club ha messo gli occhi possa vestire la casacca dell’Inter nella prossima stagione.
Resta una delle tante squadre che potrebbero partecipare alla lotta per lo scudetto, che vede inesorabilmente giocare ancora il ruolo da protagonista alla Juve.

VOTO: 6.5

TOP PLAYER: ICARDI
I 16 gol della scorsa stagione non saranno i 36 di Higuain, ma ai tifosi interisti farebbe certamente piacere continuare a vederlo con la divisa nerazzurra piuttosto che con quella solo azzurra del Napoli.
Qualora dovesse andar via da Milano, i nerazzurri perderebbero il loro giocatore più forte. Senza di lui all’Inter mancherebbe il punto di riferimento in attacco, e trovarne uno uguale non sarebbe facile.

SCOMMESSA: ERKIN
Sarebbe troppo facile citare Banega quale scommessa, quando invece è un talento già affermato, per cui è più plausibile fare il nome dell’ex terzino del Fenerbahce, acquistato dall’Inter già qualche mese fa. Se riuscisse a confermare le buone cose fatte in Turchia, Mancini potrebbe togliersi ogni dubbio su chi schierare sulla fascia sinistra di difesa per tutta la durata del campionato.
JUVENTUS

I campioni d’Italia sono ancora i bianconeri, dopo il predominio nella seconda parte della stagione. L’obiettivo di quest’anno sarà quello di conquistare non tanto l’Italia, dove resta grande favorita, ma l’Europa. Ed è sulla base di questo obiettivo che la Juve si è mossa sul mercato, portando a Torino il miglior giocatore dell’ultimo campionato di serie A, un certo Gonzalo Higuain, capace di segnare 36 reti (e ne avrebbe potute fare di più se non fosse stato squalificato sul finire della stagione). Ma lui è solo la ciliegina sulla torta del mercato bianconero, che vedrà vestire la maglia juventina anche a Daniel Alves, Pjanic, Benatia e Pjaca.
La cessione di Morata in tutto ciò è passata in secondo piano, così come potrebbe esserlo anche quella (eventuale) di Pogba, che permetterebbe alla Vecchia Signora di bilanciare immediatamente la spesa sostenuta per l’acquisto del Pipita (tra l’altro è già pronto il sostituto del francese: Witsel).
Inutile fare paragoni con le altre squadre di serie A: la Juventus è più che favorita per confermarsi campione d’Italia, quindi è davvero il caso di dire che solo lei può perdere lo scudetto.

VOTO: 10

TOP PLAYER: HIGUAIN
È appena arrivato a Torino, ma è già l’uomo simbolo della prossima Juventus, soprattutto in virtù delle voci che vedono Pogba lontano dall’Italia.
Non ha bisogno di presentazioni: i 36 gol segnati nello scorso campionato parlano da sé. Ripetere quelle cifre non sarà facile, anche perché alla Juve non sarà il solo terminale offensivo (lo affiancherà il connazionale Dybala), ma qualora non dovesse timbrare il cartellino lo stesso numero di volte dello scorso campionato, la Juve con lui resta più forte della passata stagione.

SCOMMESSA: PJACA
Reduce da un biennio ad alto livello tra le fila della Dinamo Zagabria, il centrocampista offensivo non rientra tra i titolari per la prossima stagione, ma ovviamente sarà tenuto in grande considerazione da mister Allegri, dato che la Juve ha fatto un investimento di 23 milioni per accaparrarselo.
LAZIO

Salutato Klose, è finalmente arrivato un attaccante di livello tra le fila dei biancocelesti, che a lungo hanno cercato un degno sostituto del tedesco: Ciro Immobile.
Quasi certo l’addio di Candreva, la squadra si affiderà a Felipe Anderson in quel ruolo.
Per la difesa sono arrivati Wallace dal Braga e J. Lukaku dall’Ostende; acquisti mirati, ma di ottimo livello.
Altri grandi nomi non sono nell’aria al momento, ma il mercato è ancora lungo; tuttavia già così la Lazio può ritenersi soddisfatta degli acquisti fatti e poter puntare ad un posto in Europa.

VOTO: 6.5

TOP PLAYER: IMMOBILE
Certo, è appena arrivato alla Lazio, ma il suo ruolo nella prossima stagione sarà da protagonista. Praticamente sicuro di giocare titolare, con il supporto dei calciatori laziali può diventare una macchina da gol.

SCOMMESSA: JORDAN LUKAKU
Fratello dell’attaccante Romelu Lukaku, il 22enne, che gioca da terzino sinistro ed è nel giro della Nazionale belga, sarà la rivelazione della Lazio nella prossima stagione. Troppo spesso i biancocelesti hanno avuto problemi sulla fascia sinistra, con i frequenti infortuni di Radu e la poca affidabilità di Konko e Braafheid (entrambi svincolati al termine della passata stagione), tanto che per gran parte del campionato è stato arretrato Lulic sulla linea difensiva. L’acquisto del belga risolve i problemi di Inzaghi, che si ritrova a disposizione un terzino agile e con propensione offensiva.
MILAN

L’acquisto di spicco di questo mercato rossonero per il momento è quello fatto per la panchina, con l’arrivo di Montella. Per quanto riguarda forze nuove in campo, l’unico nome di rilievo da fare al momento è quello di Lapadula. Per il resto si parla di semplici obiettivi: il centrocampista Sosa, in forza al Besiktas, è il nome più caldo.
La sensazione è che se il Milan vuole davvero tornare a giocare le coppe europee, dovrà fare qualche sforzo in più sul mercato, e a nostro avviso dovrebbe ancora avere fiducia in Bacca, il giocatore che al momento può davvero fare la differenza in casa rossonera.

VOTO: 5

TOP PLAYER: BONAVENTURA
Il giocatore più costante degli ultimi due anni in casa Milan, quello che si è caricato sulle spalle molte più responsabilità di quanto magari si aspettava; è diventato il leader della squadra, chiudendo l’ultimo campionato sicuramente come migliore giocatore dei rossoneri.

SCOMMESSA: LAPADULA
L’attaccante scuola Juve, dopo aver a lungo girato l’Italia in prestito, a seguito del fallimento del Parma (squadra che deteneva il suo cartellino) è stato tesserato lo scorso anno dal Pescara, con cui ha segnato ben 27 reti in campionato, guadagnandosi il titolo di capocannoniere del campionato cadetto, essendo decisivo anche nei play-off (con 3 gol).
Seguito anche da altri club di serie A, quest’estate è stato acquistato dal Milan, dove potrebbe conquistare rapidamente un posto da titolare, soprattutto in caso di cessione di Bacca.
Ripetere la stagione fatta a Pescara in B sembra alquanto utopico, ma arrivare in doppia cifra non è impossibile.
NAPOLI

A Napoli non si parla d’altro che del “tradimento” di Higuain, idolo dei tifosi partenopei, che ha fatto sognare nella passata stagione a suon di gol.
Ma il Pipita ormai appartiene al passato, e l’unica cosa che De Laurentis potrà fare per far presto dimenticare l’argentino sarà quella di investire i milioni della clausola rescissoria pagati dalla Juve per rinforzare la squadra in tutti i reparti.
È arrivato il polacco Milik dall’Ajax, ma sembra che il presidente voglia comunque prendere un altro attaccante di livello: il nome più caldo è quello di Icardi, ma per portarlo a Napoli ci vorrebbe una buona parte dei milioni giunti da Torino; la principale alternativa è Bacca, più defilato Kalinic; l’ultima soluzione che si prospetta è quella di non acquistare nessun altro attaccante e affidarsi ai soli Milik e Gabbiadini.
Gli arrivi nelle altre parti del campo hanno visto vestirsi di azzurro Tonelli, per la difesa, e Giaccherini, per il centrocampo; ma anch’essi sono solo una parte dei progetti di mercato della dirigenza partenopea, che corteggia già da molto tempo Maksimovic del Torino e Diawara del Bologna, oltre a Widmer e Darmian per la fascia e Zielinski per il centrocampo.
Se il Napoli l’anno scorso ha egregiamente tenuto testa alla Juve, chiudendo il girone d’andata al primo posto sognando di potersi cucire a fine stagione lo scudetto sul petto, per il prossimo campionato parte abbastanza dietro rispetto ai campioni d’Italia.

VOTO: 6+

TOP PLAYER: HAMSIK
Ha visto molti suoi compagni d’avventura abbandonare il Napoli nel corso degli anni (Lavezzi, Cavani e Higuain i principali), ma lui è sempre rimasto. È il simbolo dell’attaccamento alla maglia azzurra e il giocatore dal quale la squadra riparte per la prossima stagione.

SCOMMESSA: MILIK
È esploso con la maglia dell’Ajax e si è messo in mostra negli ultimi Europei (dove, tuttavia, ha anche sbagliato alcuni gol in maniera clamorosa). Il Napoli ha deciso di partire da lui per il dopo-Higuain, e partire è proprio il termine esatto dato che la dirigenza sta valutando anche altri acquisti per il reparto offensivo, il che potrebbe non garantire al polacco il posto da titolare nel prossimo campionato. Ma qualora dovesse toccare a lui prendere in mano le redini dell’attacco partenopeo, potrebbe ben presto far dimenticare Higuain a suon di gol.
PALERMO

Mercato più vivo sul fronte cessioni che su quello acquisti per i siciliani, che hanno salutato i giocatori chiave della passata stagione: Sorrentino, Vazquez e Gilardino. I loro sostituti al momento sono elementi già presenti in rosa nello scorso campionato (Posavec, Trajkovski e Balogh), mentre dal fronte acquisti sono arrivati alcuni giocatori che dovranno fare i conti con l’impatto nel calcio italiano (il difensore Rajkovic dal Darmstadt, il terzino Aleesami dal Goteborg, l’attaccante Nestorovski dall’Inter Zapresic), inoltre è rientrato dal prestito al Brescia dopo una buona stagione in B l’attaccante Embalo.
Gli obiettivi di mercato che potrebbero alzare il livello tecnico della squadra sono gli attaccanti Pinilla e Szalai: almeno uno di loro due farebbe molto comodo ai rosanero, che, ora come ora, si accingono a giocare la prossima serie A privi di attaccanti con una discreta esperienza ad alti livelli.
La sensazione è che se l’anno scorso il Palermo si è salvato solo all’ultima giornata, stavolta l’impresa sarà molto più difficile.

VOTO: 4

TOP PLAYER: RISPOLI
Il fatto che il miglior elemento dei siciliani (per noi) sia il terzino campano, vi fa capire il livello dei rosanero per la prossima stagione. Se citiamo lui è comunque perché nell’ultimo campionato è stato un punto fermo della squadra di Ballardini, capace di viaggiare sulla fascia destra con grande destrezza e competenza.
Tra i tanti nomi nuovi nei possibili 11 titolari per il nuovo campionato, lui resta una solida garanzia dei rosanero.

SCOMMESSA: EMBALO
Rientrato dal prestito al Brescia, dove ha disputato un’ottima stagione in cadetteria, chiusa con all’attivo anche 5 gol, sembra destinato a rimanere a Palermo per il prossimo campionato, e le cessioni di Gilardino e Vazquez gli lasciano anche posto nello scacchiere titolare, dove la principale concorrenza è rappresentata da Balogh e Djurdjevic. Il prossimo potrebbe essere l’anno della sua affermazione.
PESCARA

La squadra di Oddo ha ampiamente convinto nella passata stagione in B, meritando la promozione nella massima serie, tuttavia ha perso il suo capocannoniere Lapadula. Il mercato ha visto l’arrivo di un portiere d’esperienza come Bizzarri, e di giovani in cerca di rilancio in serie A come Biraghi, Cristante e Manaj, in più è rientrato Brugman dal Palermo. La squadra può sempre contare su alcuni dei principali elementi che l’hanno portata nella massima serie, quali Memushaj, Verre e Caprari, e dell’esperienza di Campagnaro in difesa.
Si cercano altri rinforzi per tutti i reparti, soprattutto per l’attacco, dove il nome caldo è quello di Macheda, attualmente al Cardiff.
Con qualche ulteriore innesto il Pescara potrebbe ottenere una tranquilla salvezza.

VOTO: 6

TOP PLAYER: CAPRARI
Uno dei protagonisti della promozione in serie A, con 13 reti segnate, il 23enne giocherà il suo ultimo anno a Pescara, dopo essere stato acquistato quest’estate dall’Inter, che ha deciso di lasciarlo per questa stagione nella squadra abruzzese, con cui aveva già giocato in serie A nel campionato 2012-2013.
Il gioco di Oddo non potrà prescindere dal talento di questo ragazzo.

SCOMMESSA: VERRE
Il centrocampista 22enne, come Caprari, proviene dal vivaio della Roma. Punto fermo della rosa di Oddo in serie B, lo sarà anche nella massima serie (se non verrà ceduto, visto il forte interesse della Samp).
Il Pescara, pur di non fare a meno di lui, quest’estate ha sborsato 4 milioni di euro per riscattarlo dall’Udinese. Siamo convinti che la sua stagione in serie A con la maglia del Pescara lo vedrà tra i protagonisti.
ROMA

Il mercato della Roma per il momento è fatto più di obiettivi che di acquisti concreti, che constano di pochi elementi: il portiere Alisson, Mario Rui (già infortunatosi), l’attaccante Gerson, e Juan Jesus dall’Inter. Partito Pjanic, non sarà facile rimpiazzare la sua qualità a centrocampo, dove almeno sembra pienamente rientrato Strootman dopo i vari problemi fisici. Confermati El Shaarawy e Szczesny, si cerca ancora qualche rinforzo soprattutto in difesa (si pensa a Lazaar per sopperire all’infortunio di Mario Rui). Il divario dalla Juventus resta, quindi rimanere nella sua scia per tutto il campionato non sarà facile.

VOTO: 6

TOP PLAYER: SALAH
Stagione fantastica la prima dell’egiziano con la maglia della Roma, che lo ha visto assoluto protagonista. Nel prossimo campionato sarà ancora lui la punta di diamante dei giallorossi, vera certezza in un reparto, quello offensivo, che ha visto varie insicurezze nell’ultimo campionato.

SCOMMESSA: STROOTMAN
Dopo due stagioni travagliate, l’olandese sembra pronto per tornare protagonista in campo, e l’occasione è ghiotta dato che Pjanic ha lasciato un vuoto nel centrocampo giallorosso, che Spalletti sembra intenzionato a colmare proprio con lui.
Se la condizione fisica non giocherà ancora brutti scherzi, potrebbe tornare protagonista come il suo primo anno nella capitale.
SAMPDORIA

Tanti cambiamenti ci sono stati nella squadra blucerchiata in questa estate: un nuovo allenatore, Giampaolo, e tanti volti nuovi anche tra i giocatori, con gli innesti di Castan e Pavlovic in difesa, Cigarini, Linetty e Djuricic a centrocampo e Budimir e Schick in attacco.
Insomma, una squadra ampiamente rinnovata, che nonostante la cessione di vari giocatori importanti, tra cui il giovane Correa e Fernando, a cui si aggiungerà Soriano (manca solo l’ufficialità per il suo passaggio al Villareal, ma la Samp ha già trovato il sostituto in Fernandes dell’Udinese, con cui si potrebbe chiudere a breve) potrà essere una delle sorprese del prossimo campionato.

VOTO: 7-

TOP PLAYER: QUAGLIARELLA
Il suo ritorno in blucerchiato a gennaio, dopo la cessione di Eder all’Inter, aveva ridato alla squadra l’esperienza e la qualità che erano venute a mancare.
Anche nel prossimo campionato sarà lui a guidare l’attacco della Samp, e in generale tutta la squadra.

SCOMMESSA: BUDIMIR – SCHICK
Il primo è reduce da una grande stagione con il Crotone, forte di 16 gol segnati in cadetteria al suo primo anno in Italia, che gli hanno valso l’immediato salto di qualità. Si giocherà il posto accanto a Quagliarella con Schick, attaccante ceco strappato alla Roma quest’estate, autore di 8 reti con la maglia del Bohemians nel campionato ceco lo scorso anno.
SASSUOLO

La sorpresa dello scorso campionato, capace di conquistare un posto nei preliminari di Europa League mettendosi dietro il Milan in classifica, riparte con la stessa rosa e lo stesso allenatore, con l’eccezione di Vrsaljko, ceduto all’Atletico Madrid. Gli acquisti finora fatti sono tutti di “contorno”, a cui si aggiunge il difensore centrale Letschert, anche se la società si sta muovendo alla ricerca di un terzino destro e di un attaccante (piace sempre Zapata, ma si pensa anche a Matri, Babacar e soprattutto Pinilla, chiuso all’Atalanta dall’arrivo di Paloschi).
La rosa composta da quasi tutti italiani resta l’orgoglio del Sassuolo, chiamato tuttavia alla non facile impresa di confermare quanto fatto nella passata stagione,

VOTO: 5.5

TOP PLAYER: BERARDI
Nonostante lo scorso campionato dell’attaccante non sia stato brillante come i due precedenti, resta l’elemento di maggior talento dei neroverdi; e, date le sue potenzialità, quest’anno potrebbe tornare ai livelli a cui ci aveva abituati gli anni passati.

SCOMMESSA: PELLEGRINI
Nello scorso campionato il ventenne è stato la prima alternativa al terzetto di centrocampo, trovando spesso spazio anche da titolare, chiudendo la stagione con 19 presenze e 3 gol segnati. La prossima stagione lo vedrà sicuramente in campo con ancora più costanza e gli permetterà anche di diventare un punto fermo della Nazionale Under 21.
TORINO

Il Toro per la prossima stagione potrà contare su un tridente di grande livello, con la conferma di Belotti, che ha chiuso in crescendo lo scorso campionato, e gli acquisti di Ljajic e Iago Falque. Rinforzata anche la difesa, con l’acquisto di Ajeti dal Frosinone per sostituire Glik, ceduto al Monaco. Per il centrocampo si spera ancora di poter contare su Valdifiori, per il quale si continua a trattare con il Napoli.
A completare il tutto c’è stato l’arrivo di Mihajlovic sulla panchina, in sostituzione di Ventura, nuovo ct azzurro, che avrà voglia di riscattarsi dopo un anno buio al Milan.

VOTO: 7

TOP PLAYER: BELOTTI
Partito un po’ a rilento nello scorso campionato, complice anche il poco spazio da titolare, ha concluso la stagione da protagonista, diventando il punto fermo dell’attacco granata, tanto da portare alla cessione di Quagliarella alla Sampdoria durante il mercato di riparazione.
Con un allenatore come Mihajlovic può esplodere definitivamente.

SCOMMESSA: IAGO FALQUE – LJAJIC
Non si può non citare loro due, il fiore all’occhiello della campagna acquisti del Torino, che per la prossima stagione avrà a disposizione due grandi giocatori in cerca di riscatto dopo esperienze deludenti con Roma e Inter.
Con loro due al fianco di Belotti l’attacco del Torino è uno dei più forti della serie A.
UDINESE

Da quest’anno per i friulani inizia l’era post-Di Natale, che a dire il vero nell’ultimo campionato non aveva giocato nemmeno da titolare.
Il mercato ha visto pochi innesti di rilievo, con i soli De Paul e Fofana a rinforzare il centrocampo e il ritorno di Angella dal Watford, su cui mister Iachini sembra voler puntare. È tornato anche Zielinski dal prestito all’Empoli, ma il suo futuro potrebbe essere lontano da Udine, così come anche quello di Bruno Fernandes, che potrebbe firmare a breve con la Sampdoria.
La certezza sarà la coppia d’attacco formata ancora da Thereau e Zapata.
Tuttavia l’Udinese, a nostro avviso, se l’anno scorso si è trovata invischiata nella lotta per la permanenza in serie A, anche quest’anno non potrà ambire ad obiettivi più alti della salvezza.

VOTO: 5+

TOP PLAYER: THEREAU
Dopo l’addio del capitano Di Natale, è il francese l’elemento di maggior rilievo della rosa friulana, capace di garantire un certo numero di gol ma anche qualità al gioco dell’Udinese.

SCOMMESSA: DE PAUL – FOFANA
I due centrocampisti sono le principali novità dei friulani in questa sessione di calciomercato.
Il primo, argentino classe ’94, proviene dal Valencia, anche se ha giocato l’ultimo anno in prestito al Racing Club argentino, squadra nella quale è cresciuto. Potrebbe giocarsi il posto da titolare proprio con Fofana, ex giocatore del Manchester City, che tuttavia ha giocato l’ultimo anno in prestito al Bastia.
La probabile cessione di Fernandes non esclude che entrambi possano giocare titolari.

Lascia un commento

Top