Equitazione, Olimpiadi Rio 2016: la Germania torna a vincere nel dressage a squadre

Equitazione-Isabell-Werth.jpg

Sempre medagliata d’oro da Los Angeles 1984, ai tempi della BRD, fino a Pechino 2008, la Germania aveva clamorosamente ceduto il titolo olimpico del dressage a squadre ai padroni di casa della Gran Bretagna in occasione dei Giochi di Londra 2012. Quattro anni dopo, i teutonici sono tornati sul gradino più alto del podio a Rio 2016, con un punteggio finale di 81.936 punti percentuali, grazie al quartetto composto da Isabell Werth su Weihegold Old, Dorothée Schneider su Snowtime FRH, Kristina Bröring-Sprehe su Desperados FRH e Sonke Rothenberger su Cosmo.

La Gran Bretagna, guidata dal binomio medagliato d’oro quattro anni fa, quello composto dall’amazzone Charlotte Dujardin e da Valegro, si è comunque andata a prendere la medaglia d’argento con 78.595 punti percentuali di media, mentre sul terzo gradino del podio è salita la formazione degli Stati Uniti, che conquista una medaglia che le mancava da due edizioni con 76.667 punti percentuali. Fuori dal podio, dunque, i Paesi Bassi (75.517%), che hanno pagato l’abbandono di Adelinde Cornelissen sin dalla prima prova, la Svezia (74.845%) e la Danimarca (74.311%).

A livello individuale, il miglior punteggio del Grand Prix Special è stato ottenuto dalla tedesca Werth (83.711%), che ha dunque scavalcato nelle gerarchie la campionessa in carica Dujardin (82.983%) e la compagna di squadra Schneider (82.619%). In attesa della finale individuale, Isabell Werth può già dire di aver conquistato la sua sesta medaglia d’oro olimpica in carriera, la nona complessiva se si considerano anche i tre argenti.

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

giulio.chinappi@oasport.it

Lascia un commento

Top